La società signorile di massa di Luca Riolfi

“Con questo libro, Luca Ricolfi introduce una nuova, forse definitiva, categoria per

comprendere l’Italia: Società signorile di massa. Una categoria che supera quelle di destra e sinistra, o di capitalisti e operai, che non riescono più a interpretare la realtà che viviamo. La società signorile di massa è qualcosa di radicalmente nuovo, che si è verificato nel corso degli ultimi 10 anni e che caratterizza l’Italia. Una categoria apparentemente paradossale (come può una società signorile essere anche di massa?) eppure capace di rappresentare le contraddizioni del nostro Paese. Oggi, dati alla mano, per la prima volta nella storia d’Italia, ricorrono insieme tre condizioni che permettono di parlare di una “società signorile di massa”:

(1) Il numero di cittadini che non lavorano ha superato il numero di cittadini che lavorano;

(2) La condizione signorile, ovvero l’accesso a consumi opulenti da parte di cittadini che non lavorano, ha raggiunto una larga parte della popolazione, e dunque si può ben definire “di massa”.

(3) A fronte di questa stabilizzazione del livello dei consumi (opulenti e di massa), la produttività in Italia ha cessato di crescere, e l’economia è entrata in un regime di stagnazione o di decrescita.

Luca Ricolfi compone un ritratto per nulla ideologico ma chiaro e spietato, che rilancia alcune domande essenziali: l’Italia è un caso unico o anticipa quanto accadrà su larga scala in Occidente? E, soprattutto, cosa può accadere a lungo o breve termine, in un sistema economico in cui molti consumano e pochi producono?” Tratto dalla presentazione del sito della Feltrinelli.

Nota

Nelle ultime pagine del saggio l’autore rilancia la tesi dell’economista Giuseppe Sclitzer. La sua tesi è che il PIL in Italia è fermo da vent’anni a causa della istituzione del Titolo quinto della Costituzione; Se avesse ragione?

Informazioni su Condividere Spilamberto

Spilamberto,Cittadinanza Attiva
Questa voce è stata pubblicata in nazionale. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...