Contagio da Covid: Tutti innocenti? Non crediamo proprio!! Una risposta.

Photo by Anna Shvets on Pexels.com

Il Sindaco Costantini nella pagina FB del Comune in data 1 dicembre

ha scritto a proposito di chi è risultato positivo al Covid-19 dicendo testualmente: “A loro e a tutti i loro famigliari oggi voglio ricordare una cosa semplice e mai scontata: vi siamo vicini e una malattia, qualsiasi malattia, non è una colpa”.

Mescolando in maniera evidentemente forzata ragionamenti sul Covid-19, sull’AIDS e sulla scelta antirazzista di Rosa Parks del 1955.

Ora, Sindaco, questa non possiamo passargliela. Non è vero che nessuno è senza colpa, in tutti i contagi esistono le vittime da contagio e i colpevoli di contagio.

Perché se i miei comportamenti non sono prudenti o sono superficiali, se al lavoro non mi attengo alle direttive della massima attenzione, se partecipo a incontri o riunioni o cene senza indossare la mascherina e non evitando contatti ravvicinati e mi contagio, IO SONO COLPEVOLE. È COLPA MIA!!!

Se poi contagio chi si fida di me, familiari, compagni di scuola, colleghi, amici, SONO DOPPIAMENTE COLPEVOLE. È COLPA MIA!!!

Perché poi questi, al loro volta in modo inconsapevole contagiano altri.

Se poi, causa la mia superficialità, un mio genitore o un mio nonno muiono, IO SONO COLPEVOLE ANCHE DELLA LORO MORTE. È COLPA MIA!!!

O VOGLIAMO METTERE SULLO STESSO PIANO VITTIMA E COLPEVOLE?

Questo ragionamento è normalmente applicato in tribunale nel caso dell’AIDS.

Infatti la cronaca ha riportato vari casi di persone condannate perché, consapevoli di essere malate di AIDS, lo hanno taciuto al o ai partner, facendo sesso non protetto e contagiandoli.

Per la protezione di tutti sarebbe utile invece sapere chi è positivo e chi è in quarantena, anche per poter aiutare chi è confinato a casa, malato o in quarantena, ed ha bisogno di aiuto. Ed evitare comportamenti scorretti.

La solidarietà non si fa nascondendo i problemi delle persone o evitando di colpevolizzare chi è superficiale.

La vera solidarietà si fa a chi è stato vittima di comportamenti scorretti e richiamando alle proprie responsabilità chi ha scelto quei comportamenti scorretti.

Caro Sindaco ecco perché non condividiamo il suo articolo nella parte che evita di denunciare chi è responsabile di contagio per comportamenti scorretti.

.

Informazioni su Condividere Spilamberto

Spilamberto,Cittadinanza Attiva
Questa voce è stata pubblicata in istituzioni, locale e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...