Ulteriore documentazione contro antenne 5G a Spilamberto

024-1-ABE-101.jpg

Antenna 5G installata su area privata.  Ogni cittadino ha il diritto, circa gli atti del Comune,

di utilizzare l’istituto delle Osservazioni, questo fa ( Leggi sotto) la storica esponente  dei cinque stelle di Spilamberto Fiorella Anderlini. Il testo cita un notevole numero di dati scientifici  a sostegno della necessità di fermare per “principio di precauzione” l’installazione delle suddette antenne 5G.   Buona Lettura CS 

Segue testo dell’Osservazioni. 

PEC comune.spilamberto@cert.unione.terredicastelli.mo.it

All’attenzione del Responsabile dello Sportello Unico delle Attività Produttive Ing. Andrea Simonini

 

Spilamberto, 11/08/2020

Oggetto: Osservazioni relative all’ AVVISO DI DEPOSITO DEL PROGETTO DI INSTALLAZIONE STAZIONE RADIO BASE PER RETE DI TELEFONIA MOBILE SU NUOVO IMPIANTO DA REALIZZARE IN AREA PRIVATA SITA IN SPILAMBERTO (MO) IN VIA MODENESE N. 1253 (CONTRADDISTINTA AL FOGLIO 13 MAPPALE 66) (CODICE IMPIANTO: MO41057_002_SPILAMBERTO ZI) AI SENSI DELL’ART. 87 DEL D.LGS. 1/8/2003 N. 259 E S.M.I. – RICHIEDENTE: ILIAD ITALIA S.P.A.

  • Nel rispetto del principio di precauzione e del principio OMS “Health in all policies”, si ritiene opportuna la richiesta di una moratoria per l’esecuzione delle “sperimentazioni 5G” su tutto il territorio nazionale sino a quando non sia adeguatamente pianificato un coinvolgimento attivo degli enti pubblici deputati al controllo ambientale e sanitario (Ministero Ambiente, Ministero Salute, ISPRA, ARPA, dipartimenti di prevenzione), non siano messe in atto valutazioni preliminari di rischio secondo metodologie codificate e un piano di monitoraggio dei possibili effetti sanitari sugli esposti, che dovrebbero in ogni caso essere opportunamente informati dei potenziali rischi.
  • I criteri di valutazione adottati hanno tenuto conto delle indicazioni fornite dallo standard internazionale pubblicato dall’International Electrotechnical Commission Technical Report Iec TR62669:2019 “Case studies supporting IEC 62232 – Determination of RF field strength, power density and SAR in the vicinity of radiocommunication base stations for the purpose of evaluating human exposure”, al fine di sopperire all’attuale lacuna della normativa nazionale per gli impianti 5G?

(Indicazioni frutto del Gruppo di lavoro e delle Linee guida Snpa, Sistema nazionale per la Protezione dell’Ambiente, sul 5G ai fini dell’espressione del parere tecnico di competenza per il rilascio dell’autorizzazione).

 

A seguire un promemoria di alcuni STUDI SCIENTIFICI INTERNAZIONALI che dimostrano il pericolo  all’Esposizione dei Campi Elettromagnetici compreso il 5G..

1- Modello di aumento della temperatura in regime stazionario nei tessuti multistrato a causa dell’esposizione di un campo di radiofrequenza a onde millimetriche a fascio stretto. Gajda, G. et al. Health Physics 117 (3): 254-266 (2019). https://insights.ovid.com/crossref

2- EFFETTO BIOLOGICO DELLE ONDE RADIO MILLIMETRICHE. Articolo NP Zalyubovskaya, Khar’kov Istituto di ricerca scientifica di microbiologia, vaccini e Sera imeni Mechnikov Kiev VRACHEBNOYE DELO in russo n. 3, 1977 pp. 116-119

3- Influenza dei campi elettromagnetici delle radiofrequenze nell’uomo Dumanskiy, Yu. D., Scrdyuk, AM e. L’IP “Vliyaniye elektromagnitnykh poley radiochastot na cheloveka”. Kiev, 1975.

4- Effetti biologici delle microonde e minaccia per la salute . Sadchikova, MN In: “Biologicheskiye effekty mikrovoln i ugroza zdorov’yu” Varsavia, 1973.

5- Accumulo di energia nella cellula di Skulaehov, VP “Akkumulyatsiya energii v kletke”. Mosca, 1969.Subbota, AG In: “Vliyaniye SVCh-izlucheniy na organm cheloveka zhivotnykh” [Influenza delle radiazioni ad alta frequenza sugli organismi dell’uomo e degli animali]. Leningrado, 1970.

6- Aspetti clinici delle radiazioni della gamma di frequenza molto alta . Tyagin, NV “Klinicheskiye aspekty oblUcheniya SVCh-diapazone” Leningrado, 1971. PDF

7- Problemi medici e biologici di radiazioni ad altissima frequenza Chukhlovin, BN In: “Mediko-biologicheskiye problematico SVCh-izlucheniy”. Leningrado, 1966.

8- Meccanismo fisiologico dell’effetto dei campi elettromagnetici Yakovlava, MI “Fiziologicheskiye mekhanizmy deystviya elektromagnitnykh poley”. Leningrado, 1973.

9- Risposta degli occhi all’esposizione a onde millimetriche a diversi livelli di umidità. Kojima, M. et al. Journal of Infrared Milli Terahz Waves 40: 574–584 (2019). https://link.springer.com/article/10.1007/s10762-019-00586-0

10- Le radiazioni delle onde millimetriche attivano i nocicettori della sanguisuga attraverso la sensibilizzazione del recettore di tipo TRPV1. Romanenko, S. et al. Biophysical Journal 116 (12): 2331-2345 (2019). https://www.biorxiv.org/…/…/early/2018/11/28/480665.full.pdf

11- Derivazione sistematica dei limiti di sicurezza per l’esposizione alla radiofrequenza 5G che varia nel tempo in base a modelli analitici e dose termica. Neufeld, E. and Kuster, N. Health Physics Society (2018). https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/30247338

12- Verso i sistemi di comunicazione 5G: ci sono implicazioni per la salute? Ciaula, AD. International Journal of Environmental Hygiene and Health 367-375 (2018). https://www.sciencedirect.com/…/artic…/pii/S1438463917308143

13- Ampliamento delle telecomunicazioni wireless 5G: implicazioni per la salute pubblica e l’ambiente. Russell, CL Environmental Research 165: 484-495 (2018) https://www.sciencedirect.com/…/artic…/pii/S0013935118300161

14- Pelle umana come recettore Sub-THz: il 5G rappresenta un pericolo o no? Betzalel, N., Ishai, PB e Feldman, Y. Environmental Research163: 208-216 (2018). https://www.sciencedirect.com/…/arti…/pii/S0013935118300331…

15- La modellizzazione dell’assorbimento della radiazione solare-THz da parte della pelle umana. Betzalel, N., Feldman, Y. e Ishai, PB IEEE Transactions on Terahertz Science and Technology 7 (5): 521-528 (2017). https://ieeexplore.ieee.org/document/8016593/

16- Esposizione umana ai campi RF nel downlink 5G. Nasim, I. e Kim, S. Georgia Southern University (2017). https://arxiv.org/pdf/1711.03683.pd f

17- Il corpo umano e i sistemi di comunicazione wireless delle onde millimetriche: interazioni e implicazioni. Wu, T., Rappaport, T. e Collins, C. Conferenza internazionale IEEE sulle comunicazioni (2015). https://ieeexplore.ieee.org/document/7248688

18- Effetti della radiazione delle onde millimetriche sulla membrana cellulare: una breve rassegna. Ramundo-Orlando, Alfonsina. Journal of Infrared, Millimeter e Terahertz Waves 3 (12): 14001411 (2010). https://www.researchgate.net/publicatio n 220043219_Review_Article_Effects_of_millimeter_ waves_radiation_on_cell_membrane

19- Pelle umana come schiere di antenne elicoidali in una gamma di onde millimetriche e submillimetriche. Feldman, Y., et al. The American Physical Society (2008). https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18517913

20- Simulazioni computazionali della penetrazione di 0,30 THz di radiazioni nell’orecchio umano . Vilaagosh, Z. et al. Biomedical Optics Express 10 (3 (2019). Https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6420278/

21- Sensibilità dell’impianto a radiazioni elettromagnetiche a bassa intensità di 105 GHz . Tafforeau M, Verdus MC, Norris V, GJ bianco, Cole M, Demarty M, Thellier M, Ripoll C. Bioelectromagnetics. Settembre 2004; 25 (6): 403-7. Francia https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/15300725

22- Cambiamenti di permeabilità indotti da radiazioni pulsate di 130 GHz in liposomi cationici carichi di anidrasi carbonica. Ramundo-Orlando A, GP di Gallerano, Stano P, Doria A, Giovenale E, Messina G, Cappelli M, D’Arienzo M Spassovsky I. Bioelectromagnetics. Dicembre 2007; 28 (8): 587-98. Italia https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17620303

23- Sensibilità della pianta a radiazioni elettromagnetiche a bassa intensità di 105 GHz. Tafforeau M 1, Verdus MC, Norris V, White GJ, Cole M, Demarty M, Thellier M, Ripoll C. Bioelectromagnetics. Settembre 2004; 25 (6): 403-7. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/15300725 L’esposizione di piantine di lino, Linum usitatissimum L., a una varietà di deboli stress ambientali seguiti da una deprivazione di calcio di 2 giorni, innesca la risposta di produzione comune di meristemi epidermici (gruppi di cellule che dividono attivamente) nell’ipocotile, che è la parte dello stelo tra la radice e i cotiledoni (le foglie preesistenti nell’embrione). Questa produzione raggiunge un plateau di 10-20 meristemi dopo un mese nel caso di stimolazione meccanica e shock freddo. Di recente, abbiamo dimostrato che la radiazione di un sistema di telefonia mobile globale (GSM) innesca anche la produzione di meristemi con un plateau di circa sei meristemi.

24- Mancanza di effetto dell’esposizione a radiazioni a radiofrequenza di 94 GHz in un modello animale di carcinogenesi cutanea. Mason PA, Walters TJ, DiGiovanni J, Beason CW, Jauchem JR, Dick EJ Jr, Mahajan K, Dusch SJ, Shields BA, Merritt JH, Murphy MR, Ryan KL. Carcinogenesi. Ottobre 2001; 22 (10): 1701-8. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/11577012

Effetti dell’irradiazione elettromagnetica a bassa intensità di frequenze di 70,6 e 73 GHz e antibiotici nel trasporto di ioni di potassio e protoni dipendenti dall’energia da parte di E. coli. Torgomyan H. Indian J Biochem Biophys. 2012 dicembre; 49 (6): 428-34. Armenia https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23350277

25- La metabolomica non diretta rivela alterazioni della permeabilità delle biomembrane nei cheratinociti umani di HaCaT dopo un’esposizione ad onde millimetriche di 60 HGz. Pogam, Pierre. E col. Rapporti scientifici 9 (9343)

26- Lesioni oculari acute causate dall’esposizione a onde millimetriche di 60 Ghz. Kojima M, Hanazawa M, Yamashiro Y, Sasaki H, Watanabe S, Taki M, Suzuki Y, Hirata A, Kamimura Y, Sasaki K Health Phys. Settembre 2009; 97 (3): 212-8. doi: 10.1097 / HP.0b013e3181abaa57. Giappone https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19667804

27- Impatto delle onde millimetriche 60 GHz e il corrispondente effetto termico sull’espressione genica del sensore di stress del reticolo endoplasmatico. Le Quément C, Nicolaz CN, Habauzit D, Zhadobov M, Sauleau R, Le Dréan Y. Bioelectromagnetics. Settembre 2014; 35 (6): 444-51. doi: 10.1002 / bem.21864. Epub 2014 6 agosto. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25099539 I sistemi emergenti di comunicazione dati wireless ad alta velocità, attualmente in fase di sviluppo, opereranno in onde millimetriche (MMW) e in particolare nella banda 60 GHz per le comunicazioni A corto raggio a banda larga. L’obiettivo di questo studio era di studiare i possibili effetti della radiazione MMW sullo stress del reticolo endoplasmatico cellulare (ER).

28- I migliori effetti degli antibiotici irradiati con un campo elettromagnetico ad altissima frequenza sulle proprietà di crescita di Escherichia coli. Torgomyan H, Trchounian A. Cell Biochem Biophys. Gennaio 2015; 71 (1): 419-24. doi: 10.1007 / s12013-014-0215-y. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/2516411 2 Gli antibiotici selezionati (tetraciclina, kanamicina, cloramfenicolo e ceftriaxone) appartenevano a gruppi diversi. L’irradiazione degli antibiotici è stata eseguita con una frequenza a bassa intensità di 53 GHz per 1 ora. Le proprietà di crescita di E. coli, la durata della fase di ritardo e il tasso di crescita specifico, sono state significativamente modificate. (Molto interessante per prendere gli effetti ad altissima frequenza sulla flora intestinale, microbica e ulteriori ricerche)

29- Le peculiarità del microonde nella gamma di frequenza degli effetti dello spettro 51-52 GHz nelle cellule E. coli. Ushakov VL, Alipov ED, Shcheglov VS, Beliaev IIa. Radiates Biol Radioecol. 2006 novembre-dicembre; 46 (6): 719-28. Russia https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/1732370

30- Stato delle conoscenze sugli effetti biologici a 40-60 GHz . Drean, Y., et al. Comptes Rendus Physique (2013). https://www.sciencedirect.com/…/artic…/pii/S1631070513000480

31- Gli effetti biologici risultanti delle cellule procariotiche e del lievito esposti a un campo elettromagnetico di 18 GHz . Nguyen TH, Pham VT, Nguyen SH, Baulin V, Croft RJ, Phillips B, Crawford RJ, Ivanova EP. Altro. 8 luglio 2016; 11 (7): e0158135. doi: 10.1371 / journal.pone.0158135. ECollection 2016. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27391488

32- Cambiamenti proteici nei macrofagi indotti dal plasma di ratti esposti a onde millimetriche di 35 GHz . Sypniewska RK, Millenbaugh NJ, Kiel JL, Blystone RV, Ringham HN, Mason PA, Witzmann FA. Bioelectromagnetics. Dicembre 2010; 31 (8): 656-63. doi: 10.1002 / bem.20598. USA https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20683908

33- Lo stress ossidativo precede l’insufficienza circolatoria indotta dal riscaldamento a microonde a 35 GHz. Kalns J, Ryan KL, Mason PA, Bruno JG, Gooden R, Kiel JL. Commotion. Gennaio 2000; 13 (1): 52-9. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/10638670 I leucociti ottenuti dal sangue periferico hanno mostrato un accumulo significativo di 3-NT solo ai livelli di esposizione associati a shock circolatorio. Il 3-NT è stato trovato anche sulla punta dei villi e della vascolarizzazione dell’intestino e all’interno del tubulo distale del rene, ma non nella pelle irradiata di ratti con insufficienza circolatoria indotta da MW. La relazione tra l’accumulo di proteine ​​epatiche, polmonari e plasmatiche e la durata dell’esposizione suggerisce che si formano addotti nitro entro i primi 20 minuti di esposizione e poi vengono rimossi o che la sintesi degli addotti nitro diminuisce dopo i primi 20 minuti di esposizione. Nel loro insieme, questi risultati suggeriscono che lo stress ossidativo si verifica in molti organi durante il riscaldamento MW.

34- Gli effetti biologici risultanti delle cellule procariotiche e del lievito esposti a un campo elettromagnetico di 18 GHz. Nguyen TH, Pham VT, Nguyen SH, Baulin V, Croft RJ, Phillips B, Crawford RJ, Ivanova EP. PLoS One .. 8 luglio 2016; 11 (7): e0158135. doi: 10.1371 / journal.pone.0158135. ECollection 2016. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27391488 L’analisi della dosimetria ha rivelato che il livello di soglia EMF richiesto per indurre l’assorbimento di grandi nanopspheres (46 nm) era compreso tra tre e sei dosi EMF, con un tasso di assorbimento specifico (SAR) di 3 kW / kg e 5 kW / kg per esposizione, rispettivamente, a seconda dei taxa batterici studiati. Si suggerisce che l’affiliazione tassonomica e la composizione lipidica (ad esempio la presenza di fosfatidilglicerolo e / o acido grasso pentadecanoico) possano influenzare il grado di assorbimento di grandi nanosfere (46 nm). Multiple esposizione ai campi elettromagnetici di 18 GHz per un periodo di un’ora ha indotto aumenti periodici nel comportamento della crescita cellulare anormale di due ceppi di Staphylococcus aureus ATCC 25923, ovvero e CIP 65.8T.

35- Effetti citogenetici delle radiazioni a microonde di 18,0 e 16,5 GHz nei linfociti umani in vitro. Hansteen IL, Lågeide L, Clausen KO, Haugan V, Svendsen M, Eriksen JG, Skiaker R, Hauger E, Vistnes AI, Kure EH Anticancer Res. Agosto 2009; 29 (8): 2885-92. Norvegia https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19661291

36- Livelli e sottopopolazioni di immunoglobuline di linfociti T e cellule NK negli uomini esposti in modo professionale alle radiazioni di microonde a frequenze di 6-12 GHz . Dmoch A, Moszczyński P. 1998; 49 (1): 45-9. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/9587910 Sono state valutate le concentrazioni di immunoglobuline e i sottoinsiemi di linfociti T nei lavoratori dei centri TV e dei centri di comunicazione satellitare. È stato riscontrato un aumento delle concentrazioni di IgG e IgA, un più alto numero di linfociti e linfociti T8, un ridotto numero di cellule NK e un rapporto T-helper / T-soppressore più basso. Né i disturbi nelle concentrazioni di immunoglobuline né nella conta delle cellule T8 e NK avevano implicazioni cliniche.

37- L’influenza dell’esposizione prenatale alle radiazioni a microonde a 10 GHz sul cervello di un topo in via di sviluppo. Sharma A, Kesari KK, Saxena VK, Sisodia R. Gene Physiol Biophys. Gennaio 2017; 36 (1): 41-51. doi: 10.4149 / gpb_2016026. Epub 2016 27 ottobre. Https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27787231 India. Il nostro obiettivo era di studiare le alterazioni nel cervello dello sviluppo di topi dopo esposizione a microonde intrauterina di diversi giorni di gestazione (0,25 e 11,25) fino alla fine. Topi in gravidanza di 0,25 e 11,25 giorni di gestazione da una colonia innata sono stati isolati e divisi in gruppi simulati (controllo) ed esposti a microonde (10 GHz). Lo studio di follow-up sui topi a 3 settimane di età ha mostrato una riduzione significativa del cervello e del peso corporeo del gruppo esposto a microonde. I risultati hanno mostrato un aumento del livello di perossidazione lipidica, una diminuzione del livello di glutatione e proteine ​​dopo esposizione a microonde a 0,25 e 11,25 giorni di gestazione. Inoltre, i cambiamenti nella citoarchitettura dell’ippocampo e del cervelletto del cervello e la riduzione del numero di cellule di Purkinje erano statisticamente significativi dopo un’esposizione a microonde di 0,25 e 11. 25 giorni di gestazione. In conclusione, il grado di gravità del danno nel cervello dei topi neonatali era molto più elevato, quando l’esposizione è iniziata da 0,25 giorni di gestazione rispetto a 11,25 giorni di gestazione.

38- Il campo elettromagnetico pulsato a 9,71 GHz aumenta la produzione di radicali liberi nel lievito (Saccharomyces cerevisiae). Crouzier D, Perrin A, Torres G, Dabouis V, Debouzy JC. Pathol Biol (Parigi). Maggio 2009; 57 (3): 245-51. doi: 10.1016 / j.patbio.2007.12.003. Epub 2008 5 marzo. Francia https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18321660

39- Effetti dell’esposizione fetale alle radiazioni a microonde sul comportamento della prole nei topi. Zhang Y, Li Z, Gao Y, Zhang C. J Radiat Res.2015 Mar; 56 (2): 261-8. doi: 10.1093 / jrr / rru097. Epub 2014, 30 ottobre. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25359903 I topi hanno dimostrato una ridotta immobilità in TST e FST dopo l’esposizione nell’utero a radiazioni a 9.417 GHz, che ha suggerito che i topi avevano un comportamento diminuito correlato alla depressione. Dal test MWM, abbiamo osservato che la prole maschile ha mostrato una diminuzione dell’apprendimento e della memoria, mentre le donne non sono state influenzate nell’apprendimento e nella memoria, suggerendo che le microonde hanno effetti dipendenti dal genere. Questo ha fornito la prima prova sperimentale di microonde che inducono effetti dipendenti dal genere.

40- L’ inibizione di Ouabain dell’ATPasi renale è alterata dalla radiazione di 9,14 GHz. Brown HD, Chattopadhyay SK. Bioelectromagnetics. 1991; 12 (3): 137-43. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/1649605 A ciascuna delle diverse temperature stabilizzate tra 7,0 e 43,8 gradi C, sono stati generalmente osservati aumenti dell’attività catalitica di Na () -, K () -ATPasa di rene cane in associazione con esposizione per 5 minuti a 9,14 GHz CW di radiazione a microonde in un reattore tubolare. Tuttavia, a 24,9 gradi C, c’è stata una diminuzione del 23%. I paragoni dell’attività delle reazioni inibite da ouabain hanno rivelato che l’efficacia del glicoside cardiaco come inibitore dell’attività dell’ATPasi era gravemente ridotta dal campo a microonde. Il meccanismo di controllo del sito ouabain può essere un obiettivo specifico a microonde a questa frequenza di esposizione. I risultati sperimentali possono essere interpretati in termini di cambiamenti strutturali molecolari o immissione diretta di energia. Il SAR stimato di energia che è stato incidente nei preparati è di 20 W / kg.

Gli smartphone che causano un aumento del tumore al cervello, di Joan Carles López

Smartphone che causano un aumento dei tumori cerebrali

41- Attività di legame al DNA di NF-kappaB dopo esposizione a microonde ad alto impulso ( 8,2 GHz ) di normali monociti umani. Natarajan M, Vijayalaxmi, Szilagyi M, Roldan USA https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/11948606 I risultati hanno mostrato un profondo aumento (3,6 volte) dell’attività di legame del DNA NF-B nei monociti a 4 ore dopo esposizione a impulsi RF rispetto ai controlli irradiati simulati. Esperimenti sulla competizione con oligonucleotidi NF-specifico? Il freddo B ha confermato la specificità dell’attività di legame del DNA, che fornisce prove del fatto che le radiazioni a radiofrequenza pulsate ad alta potenza possono disturbare la cellula e avviare percorsi di segnalazione cellulare. Tuttavia, a questo punto, non siamo pronti a difendere che la causa è un meccanismo non termico. A causa dell’ampia distribuzione di SAR nel pallone, è necessario eseguire esperimenti per determinare se i cambiamenti osservati sono associati a cellule esposte a SAR alto o basso.

42- R risposte all’osservazione di ratti esposti a microonde da 1,28 e 5,62 GHz. Da Lorge JO, Ezell CS. Bioelettromagnetico. 1980; 1 (2): 183-98. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/7284023 Sono stati studiati gli effetti dell’irradiazione a microonde a due diverse frequenze (1,28 e 5,62 GHz) sul comportamento di osservazione dei roditori. Durante l’irradiazione giornaliera, otto ratti maschi incappucciati eseguivano un compito a due leve; la depressione di una leva produceva uno dei due diversi toni e l’altra leva produceva cibo quando veniva premuta in presenza del tono appropriato. A 5,62 GHz , il tasso di risposta all’osservazione non è stato costantemente influenzato fino a quando la densità di potenza non si è avvicinata a 26 mW / cm2 a 1,28 GHz, il tasso di risposta all’osservazione di tutti i ratti è stato costantemente influenzato da una densità di potenza di 15 mW / cm2. I rispettivi tassi di assorbimento specifici per il corpo (SAR) erano 4,94 e 3,75 W / kg. Le misurazioni SAR situate in un modello a forma di ratto di tessuto muscolare simulato hanno rivelato marcate differenze nel modello di assorbimento tra le due frequenze. Il SAR situato alla testa del modello da 1,28 GHz era più alto sul lato distale rispetto alla sorgente di radiazione. A 5,62 GHz, il SAR situato nella testa era più alto sul lato prossimale. Si è concluso che il comportamento di osservazione del ratto è interrotto a una densità di potenza inferiore a 1,28 rispetto a 5,62 GHz a causa di una penetrazione di energia più profonda alla frequenza inferiore,

43- Comportamento della scimmia Rhesus durante l’esposizione a impulsi a microonde ad alta potenza di 5,62 GHz . D’Andrea JA, Thomas A, Hatcher DJ. Bioelettromagnetico. 1994; 15 (2): 163-76. USA https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/8024607 Gli impulsi a microonde (radar o SLED) sono stati somministrati a 100 pps (2,8 microsecondi di durata dell’impulso del radar; circa 50 ns della durata dell’impulso SLED) per 20 minuti e hanno prodotto SAR medi del corpo intero di 2, 4 o 6 W / kg. Rispetto alle esposizioni simulate, si sono verificati cambiamenti significativi nella risposta della leva, nel tempo di reazione e nei granuli di cibo ottenuti durante l’esposizione a microonde a 4 e 6 W / kg ma non a 2 W / kg. Non c’erano differenze tra impulsi radar o SLED nella produzione di effetti comportamentali.

44- Dosimetria RF: un confronto tra l’assorbimento di potenza di modelli numerici femminili e maschili da 0,1 a 4 GH z. Sandrini L, Vaccari A, Malacarne C, Cristoforetti L, Pontalti R. Phys Med Biol. 21 novembre 2004; 49 (22): 5185-201. Italia. I modelli numerici realistici dei soggetti umani e del loro ambiente circostante rappresentano i punti base della dosimetria elettromagnetica a radiofrequenza (RF). Ciò implica anche la differenziazione dei modelli umani in uomini e donne, possibilmente con diverse forme del corpo e posture. In questo contesto, gli obiettivi di questo lavoro sono, in primo luogo, di proporre un modello anatomico dielettrico femminile (fDAM) e, in secondo luogo, di confrontare le distribuzioni di assorbimento di potenza di un maschio e un modello femminile da 0,1 a 4 GHz. Per eseguire il fDAM, è stato utilizzato un tomografo per imaging a risonanza magnetica per acquisire immagini e una tecnica recente che evita la segmentazione discreta dei tessuti corporei in diversi tipi. Le simulazioni sono state eseguite con il metodo FDTD attraverso l’uso di un nuovo algoritmo di sub-griglia basato su filtro. Quest’ultimo viene applicato qui per la prima volta alla dosimetria, consentendo un improvviso raffinamento della maglia di un fattore fino a 7. I risultati mostrano che il tasso di assorbimento specifico medio dell’intero corpo (WBA-SAR) del modello femminile è più alto quello della controparte maschile, principalmente a causa di uno strato di grasso sottocutaneo più spesso Al contrario, la SAR media massima su 1 g (1 gA-SAR) e 10 g (10 gA-SAR) non dipende dal genere, perché si verifica nelle regioni in cui non è presente uno strato di grasso sottocutaneo. (Questo studio ci mostra che la pelle femminile è più sottile della pelle degli uomini, quindi c’è più assorbimento e questo è molto permeabile a Wi-Fi, bluetoth, telefoni cellulari e DECT wireless.) https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/15609567

45- SAR medio di tutto il corpo da 50 MHz a 4 GHz nei fantasmi voxel per bambini dell’Università della Florida. Dimbylow P, Bolch W. Phys Med Biol. 21 novembre 2007; 52 (22): 6639-49. Epub 2007, 26 ottobre. USA https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17975288

46- L’esposizione a breve termine alle radiazioni elettromagnetiche a radiofrequenza altera la fluorescenza della clorofilla delle lenticchie d’acqua (Lemna minor). Senavirathna MD, Takashi A, Kimura Y. Electromagn Biol Med. 2014 Dic; 33 (4): 327-34. doi: 10.3109 / 15368378.2013.844705. Epub 2013 16 ottobre. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24131393 Durante l’esperimento, le fronde sono state testate con frequenze EMR di 2, 2,5, 3,5, 5,5 e 8 GHz, che non sono ampiamente studiati nonostante il fatto che vi sia una concentrazione potenzialmente elevata di queste frequenze nell’ambiente. Le foglie di lenticchia d’acqua sono state esposte all’EMR per 30 minuti, 1 ora e 24 ore di durata con un’intensità di campo elettrico 45 50 V / m per ciascuna frequenza I risultati hanno indicato che l’esposizione all’EMR provoca un cambiamento nel raffreddamento non fotochimico delle lenticchie d’acqua. Le variazioni variavano con la frequenza dell’EMR e variavano nel tempo all’interno di una frequenza particolare. La temperatura è rimasta invariata nei fogli di lenticchia d’acqua dopo l’esposizione a EMR, confermando che l’effetto non è termico.

47 -Assorbimento della radiazione a microonde da parte del ratto anestetizzato: punti caldi elettromagnetici e termici nel corpo e nella coda. D’Andrea JA, Emmerson RY, DeWitt JR, Gandhi OP Bioelettromagnetico. 1987; 8 (4): 385-96. USA https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/3426636

Le temperature di radiazione post-coda e coda erano significativamente più elevate nei ratti irradiati a 360 MHz e più alte nella coda a 2.450 MHz rispetto alle temperature risultanti dall’esposizione a 700 MHz. Questo effetto è stato riscontrato per i SAR medi dell’intero corpo a partire da 6 W / kg a 360 MHz e 10 W / kg a 2.450 MHz.

48 – Alterazioni nell’unione del recettore colinergico alfa-adrenergico e muscarinico nel cervello del ratto dopo radiazioni non ionizzanti. Gandhi VC, Ross DH. Radiat Res. Gennaio 1987; 109 (1): 90-9. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/3027740 Le radiazioni a microonde causano ipertermia. Il sistema termoregolatore dei mammiferi si difende dalle variazioni di temperatura mobilitando vari meccanismi di controllo. I neurotrasmettitori svolgono un ruolo importante nell’ottenere risposte termoregolatorie. Il coinvolgimento dei recettori colinergici adrenergici e muscarinici è stato studiato nell’ipertermia indotta da radiazioni.

49 – Effetti dei campi elettromagnetici a radiofrequenza a bassa intensità sull’attività elettrica nei tagli di ippocampo di ratto. Tattersall JE, Scott IR, SJ Wood, Nettell JJ, Bevir MK, Wang Z, Somasiri NP, Chen X. Brain Res. 15 giugno 2001; 904 (1): 43-53. Regno Unito https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/11516410

Le fette di ippocampo di ratto sono state esposte a campi di radiofrequenza (RF) a 700 MHz (25,2-71,0 Vm (-1), esposizione 5-15 min) in una guida d’onda di linea di band. A basse intensità di campo, l’effetto predominante sul potenziale di campo evocato elettricamente in CA1 era un potenziamento dell’ampiezza del picco della popolazione fino al 20%, ma i campi di intensità più elevata potevano produrre aumenti o diminuzioni fino a 120 e 80 %. Questi risultati suggeriscono che i campi RF a bassa intensità possono modulare l’eccitabilità del tessuto ippocampale in vitro in assenza di gravi effetti termici. I cambiamenti nell’eccitabilità possono essere coerenti con gli effetti comportamentali segnalati dei campi RF.

50 – Uno studio 1H-NMR a 700 MHz rivela un comportamento simile all’apoptosi nelle cellule eritropoleememiche K562 umane esposte a un campo magnetico sinusoidale a 50 Hz. Santini MT 1, Ferrante A, Romano R, Rainaldi G, Motta A, Donelli G, Vecchia P, Indovina PL. Int J Radiat Biol. Febbraio 2005; 81 (2): 97-113. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/16019920 Le variazioni di numerosi metaboliti osservate con 1H-NMR rivelano un comportamento simile all’apoptosi in risposta delle cellule K562 ai campi ELF CONCLUSIONE: 1H-NMR può essere estremamente utile nello studio degli effetti dei campi ELF sulle cellule . In particolare, variazioni dei metaboliti che suggeriscono un comportamento simile all’apoptosi si verificano quando le cellule non sono identificabili come apoptotiche con tecniche più tradizionali. (Questo studio è importante, poiché a 700Mhz il microonde ha lo stesso effetto dei campi elettrici e magnetici a 50Hz, e nel 5G la moltiplicazione nelle città sarà di centinaia di migliaia di sistemi)

51 – Nematodi transgenici come biomonitori dello stress indotto da microonde. Daniells C, Duce I, Thomas D, Sewell P, Tattersall J, di Pomerai D. Mutat Res. 1998 13 marzo; 399 (1): 55-64. Regno Unito https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/9635489

La maggior parte degli studi sono stati condotti utilizzando una frequenza di 750 MHz, a una potenza nominale di 27 dBm. La cella TEM è stata mantenuta in un incubatore a 25°C all’interno di una stanza blindata; i controlli corrispondenti sono stati protetti e collocati nello stesso incubatore a 25°C; Ulteriori controlli di riferimento sono stati mantenuti a 15 gradi C (temperatura di crescita del verme). Le risposte allo stress sono state misurate in termini di induzione della beta-galattosidasi (indicatore) al di sopra dei livelli di controllo. L’andamento temporale della risposta alla radiazione continua a microonde ha mostrato differenze significative rispetto ai controlli di 25 gradi C sia alle 2 che alle 4, ma non alle 4 o alle 8. Utilizzando un set di piastre multiwell 5 x 5 esposto per 2 ore, I 25 campioni di microonde hanno mostrato risposte altamente significative rispetto a un set di controllo simile. I pozzi più colpiti erano quelli nelle file più vicine alla sorgente, mentre la riga più distante non si alzava sopra i livelli di controllo, suggerendo un effetto ombra. Esperimenti in cui sono state variate le impostazioni di frequenza e / o potenza hanno suggerito una risposta superiore a 21 rispetto a 27 dBm, sia a 750 e 300 MHz, sebbene siano state osservate risposte estremamente variabili a 24 dBm e 750 MHz. Pertanto , livelli di potenza più bassi tendono in ogni caso a indurre risposte più ampie (con l’eccezione sopra menzionata), che è l’opposto della tendenza attesa per qualsiasi semplice effetto di riscaldamento. Questi risultati sono riproducibili e l’acquisizione dei dati è semplice e veloce. Le prove accumulate finora suggeriscono che le radiazioni a microonde causano stress misurabile ai nematodi transgenici. Concludiamo che questo approccio merita ulteriori e più dettagliate ricerche, ma ha già dimostrato chiari effetti biologici delle radiazioni a microonde in termini di attivazione delle risposte allo stress cellulare (induzione del gene hsp). (È più che sufficiente a confermare che le microonde a bassa frequenza intorno a 700 Mhz producono stress, questo sarà un problema in futuro, a causa del numero di dispositivi che dovrebbero incorporare nelle case una media di 30 dispositivi wireless per questa frequenza, questo sarà un problema di salute, che vedremo al volo con l’aumentare dei sintomi).

52 – Effetti dell’energia a radiofrequenza di basso livello (da 3kHz a 300GHz ) sui sistemi cardiovascolari, riproduttivi, immunitari e altri sistemi umani: una revisione della letteratura recente. Jauchem JR. Int J Hyg Environment Health. Marzo 2008; 211 (1-2): 1-29. Epub 2007 9 agosto. US AirForce https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17692567 .

53 – Effetti della scansione RF a bassa potenza tra 0,01-20 GHz nelle zanzare Aedes Aegypti femminili: un’analisi collettiva del comportamento. Poh AH, Moghavvemi M, Shafiei MM, Leong CS, Lau YL, Mahamd Adikan FR, Bakhtiari M, Abdulla Hassan MA. 5 giugno 2017; 12 (6): e0178766. doi: 10.1371 / journal.pone.0178766.eCollection2017India. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28582398 Quando si esaminano le posizioni laterali e verticali delle zanzare rispetto alla frequenza e al tempo, i dati mostrano una consistenza insignificante nelle reazioni delle zanzare a frequenze diverse che vanno da 10 a 20.000,00 MHz, con un passo di 10 MHz. È stato fatto esaminando 33 ore di dati spazio-temporali, che sono stati divisi in tre sessioni. Le tre sessioni hanno mostrato convoluzioni totalmente diverse nelle posizioni in unità arbitrarie basate sulla scansione dei fotogrammi dell’output di elaborazione delle immagini. Apparentemente, diverse frequenze hanno mostrato uno spostamento fino allo 0,2-70% nelle componenti laterali e verticali lungo lo spettro, senza ripetibilità per le tre sessioni. Questo studio contribuisce a quanto segue: Uno studio pilota per stabilire gli effetti collettivi della RF contro le zanzare, l’uso dell’open source e infine una piattaforma a basso costo e facilmente adattabile per lo studio degli effetti EM contro qualsiasi insetto.

54 – Misura delle proprietà dielettriche dell’epidermide e del derma a frequenze da 0,5 GHz a 110 GHz. Sasaki K 1, Wake K, Watanabe S. Phys Med Biol.2014 agosto 21; 59 (16): 4739-47. doi: 10.1088 / 0031-9155 / 59/16/4739. Epub 2014 1agosto. Giappone https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25082800

Questo studio presenta nuovi dati sulle proprietà dielettriche per l’epidermide e il derma con misurazione in vitro a frequenze comprese tra 0,5 GHz e 110 GHz. I dati misurati sono stati confrontati con i valori della letteratura; in particolare, i risultati sono stati confrontati. con i dati ampiamente utilizzati di Gabriel sulle proprietà dielettriche della pelle. I risultati sperimentali hanno coinciso con i dati riportati da Gabriel per il derma fino a 20 GHz, che è il limite superiore della gamma di frequenza in cui Gabriel ha riportato le misurazioni. Per frequenze di 20 100 GHz, i risultati sperimentali hanno indicato valori più alti di quelli estrapolati dai dati di Gabriel usando l’espansione parametrica. Per frequenze superiori a 20 GHz,

55 – Esposizione di insetti a campi elettromagnetici a radiofrequenza da 2 a 120 GHz. Thielens A, Bell D, Mortimore DB, Greco MK, Martens L, Joseph W. Sci Rep.2018 2 mar 8; 8 (1): 3924. doi: 10.1038 / s41598-018-22271-3. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29500425

Gli insetti sono continuamente esposti a campi elettromagnetici a radiofrequenza (RF) a frequenze diverse. La gamma di frequenza utilizzata per i sistemi di telecomunicazione wireless aumenterà nel prossimo futuro di meno di 6 GHz (2G, 3G, 4G e WiFi) a frequenze fino a 120 GHz (5G). Questo documento è il primo a segnalare la potenza elettromagnetica della RF assorbita in quattro diversi tipi di insetti in base alla frequenza da 2 GHz a 120 GHz. È stato ottenuto un insieme di modelli di insetti utilizzando nuove immagini di Micro-CT (tomografia computerizzata). Questi modelli sono stati inizialmente utilizzati nelle simulazioni elettromagnetiche del dominio del tempo a differenza finita. Tutti gli insetti hanno mostrato una dipendenza dal potere assorbito nella frequenza.

56 – Un nuovo database bioeffettivo di radiazioni non ionizzanti. Lisciviazione V, Weller S, Redmayne M. Rev Environment Health. 25 settembre 2018; 33 (3): 273-280. doi: 10.1515 / reveh-2018 0017. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29874195

A partire dal 15 settembre 2017, la stragrande maggioranza dei 2653 documenti catturati nel database esamina i risultati nella gamma di 300 MHz-3 GHz. Esistono tre volte più “effetti” biologici dei documenti “senza effetto”; quasi un terzo dei documenti non fornisce una dichiarazione di finanziamento; gli studi finanziati dall’industria spesso trovano “nessun effetto”, mentre i finanziamenti istituzionali rivelano comunemente ‘Effetti’. Anche il paese di origine in cui lo studio è condotto / finanziato sembra avere un’influenza notevole sul probabile esito del risultato. (Questo studio dimostra effetti, in studi presumibilmente sponsorizzati, “credere a ciò che dicono”, e riassumerebbe in grande somiglianza con un’altra grande battaglia contro l’industria del tabacco, che ricorse a tutti i tipi di trucchi per condizionare gli studi a suo favore).

 

Saluti.

Anderlini Fiorella

Informazioni su Condividere Spilamberto

Spilamberto,Cittadinanza Attiva
Questa voce è stata pubblicata in ambiente, cittadinanza attiva e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...