Diario Tre. Vignola, la Coop e l’edilizia scolastica!

In Italia viene ipotizzato un calo strutturale  dei nati per anno/leva .Questa tendenza  avrà delle conseguenze anche a Vignola.

Sono, perciò, necessarie delle politiche per incentivare le nascite legate alla gratuità del Nido ed a una nuova e robusta politica del diritto allo studio ( Mensa e trasporti scolastici, servizi Pre e Post scuola) . I Bambini in questa situazione vanno  considerati “beni comuni”.  E’ vero che il calo a Vignola non è ancora così secco come a livello nazionale e si modifica a secondo delle leve scolastiche e quindi  ondeggia,  ma  nulla toglie  al processo di progressiva rarefazione   dell’infanzia.

A Vignola  c’è  il problema delle scuola media Muratori che ha 30 classi ( più alcune altre unità) in una scuola ( Muratori) progettata a suo tempo per 15/18 classi.

 Le attuali elementari Barozzi hanno un ala ( due piani) , ora occupata dal Levi, di 16/17 spazi aula ristrutturati. Nel cortile del Paradisi , a breve sarà inaugurata  una palazzina con 18 Aule/Spazi, in grado di riaccogliere il Levi allocato ora alle Barozzi-

15 Classi delle oltre  30 delle medie Muratori potrebbero andare alle Barozzi, altre 15 ( Più i rimasugli) restano alle Muratori . 

Le nuove 18 aule edificate  nel cortile del Paradisi , con gli spazi delle Barozzi restituite al Comune, hanno cambiato i paradigmi con cui impostare i piani di edilizia scolastica . Sono il patrimonio da cui partire al netto della contingenza coronavirus che speriamo tutti sia una contingenza

Riproporre un accordo con la Coop per edificare nove classi per le medie che non servono più, non ha senso. Le coop, infine, hanno abbandonato la linea dei grandi ipermercati ed hanno ben  altri problemi.

Serve ricordare che sulla vicenda della coop la giunta capeggiata da Smeraldi  è stata sfiduciata da PD, Lega e 5 Stelle. Stiamo quindi toccando nervi scoperti. Poiché,  è nei fatti, l’idea di una nuova coop   ha mobilitato  un movimento che ha raccolto  oltre 3 mila firme contro.

Va a merito dell’Assessora provinciale  Emilia Muratori l’avere trovato una terza via per risolvere il problema che prima della proposta della Provincia ( Fare la palazzina con 18/20 spazi nel cortile del Paradisi) , era ormai in Stallo. Terza via che prima dell’intervento della Provincia che ha dovuto fare ricorso a consistenti finanziamenti, era inimmaginabile  ( la legge di implementazione dell’edilizia scolastica è uscita in contemporanea alla crisi del comune di Vignola). Terza via che  ha  visto il consenso di tutti i soggetti politici Vignolesi  compresa  la giunta uscente di Pelloni che ha collaborato con spirito istituzionale al progetto. 

Oggi la vicenda può venire affrontata con  serenità. Ci sono problemi immanenti ma la prospettiva è definita.  Lo scambio  coop/ nuove aule, in queste condizione, seppure sia stata in un recente passato centrale per le ricadute politiche locali e la crisi che ne è conseguita,  è ormai espunta dal dibattito programmatico della prossima tornata elettorale.  Guardando avanti sarei curioso, invece,  di sapere cosa ne pensano le due Coalizione di un progetto di costruzione di una rete di Nidi nel territorio di Vignola in grado di accogliere l’universalità dei bambini da zero a tre anni.

BoOm 

Diario disincantato (Tre).

Informazioni su Condividere Spilamberto

Spilamberto,Cittadinanza Attiva
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Diario Tre. Vignola, la Coop e l’edilizia scolastica!

  1. dimer marchi ha detto:

    Dell’articolo sottolineo soprattutto la parte relativa all’infanzia e alla necessità di ripensare le città in funzione di una loro abitabilità e percorribilità tale da renderle accoglienti per chi è più fragile e ha meno possibilità di scegliere. Vignola, vedi Bambinopoli e altre iniziative/progetti, ha visto “sprazzi” di viva attenzione per i suoi abitanti più piccoli, associati ad altri momenti e scelte del tutto ignare di tale problematica. Una “città” sostenibile, a misura di bambino per gli spazi e i servizi realizzati sarebbe un buon modo per uscire dalle miopie attuali, guardare al futuro forse con più sobrietà ,ma anche con una forte dose di lungimirante speranza.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...