Elezioni Vignola: la fusione dei Comuni è definitivamente tramontata

Così Emilia Muratori alla Gazzetta del 7/7/20:

“Il mio primo atto quando sono diventata Presidente dell’Unione Terre di Castelli è stato un pronunciamento molto chiaro. Visto che lo studio commissionato e svolto sul tema della fusione aveva manifestato luci ed ombre ho deciso di lasciare questa strada. È tutto scritto e pubblico, la data è quella del 22 aprile 2017. Vedo che Angelo Pasini mi invita a dire cosa penso del tema. Gli ribadisco che da tre anni ho detto no a questa eventualità e che tutte le forze della coalizione che mi sostiene la pensano come me. Si tratta piuttosto di ridisegnare l’Unione. Dobbiamo per questo essere concreti, con liste aperte al mondo, composte di giovani ma anche di persone che conoscono l’amministrazione».

Il candidato della coalizione di Centro Destra e della lista civica Vignola per Tutti, Angelo Pasini, nella conferenza di presentazione della sua candidatura  ha confermato  la sua contrarietà alla fusione dei Comuni.


Questa è la situazione: Il sindaco di Castelnuovo ha scritto  nel suo programma che  non c’erano le condizioni per mettere all’ordine del giorno la fusione dei Comuni. Dichiarazione analoga hanno fatto le due liste che si sono confrontate a Savignano. A Castelvetro nei programmi elettorali comunali di fusione non vi è traccia.

Le fusioni avvenute in Italia hanno accorpato piccolissimi Comuni. La somma degli abitanti dei comuni fusi è spesso al  di sotto dei cinquemila abitanti e sono rare ( Si contano sulle dita di una mano) le maxi-aggregazioni.

A Spilamberto, invece,  solo la lista “Cittadini per Spilamberto” scrisse nel programma elettorale la sua contrarietà alla fusione dei comuni. In un comunicato la Lista Prima Spilamberto espresse comunque anch’essa  la sua contrarietà .  Nel dibattito elettorale  di Spilamberto  Costantini sostenne  che non vi erano le condizioni per mettere all’ordine del giorno la fusione ma che se si fossero create, lui l’avrebbe sostenuta! Visto che la proposta era di Costantini, la sua dichiarazione è comprensibile.

Dopo la dichiarazione della Candidata a Sindaco Muratori e del candidato Pasini la questione fusione  è chiusa. Si tratta ora di avanzare proposte serie per reimpostare fattivamente l’Unione Terre di Castelli. Su questo si misurerà la capacità prima di proposta, poi  di governo, delle due coalizioni.   

Voglio  ricordare, per amore di verità,  che decine  e decine  di cittadini si sono mobilitati, tramite i “comitati No Fusione” comunali ,  per fermare un progetto sbagliato e mai proposto nei programmi elettorali.  Basti pensare che la somma delle firme delle varie petizioni, superò le 3.200 unità. I comitati erano pronti per il referendum conclusivo…

BoOm

Diario disincantato delle elezioni comunali di Vignola (UNO)  

Informazioni su Condividere Spilamberto

Spilamberto,Cittadinanza Attiva
Questa voce è stata pubblicata in istituzioni, locale e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...