Spilamberto Variante 4- Nuovi Negozi?!!

 

circo

Pianificazione del territorio – Variante 4

L’adozione di tutte le 5 Varianti avvenuta l’11 maggio, è stato il primo passaggio del percorso amministrativo che permetterà ai soggetti interessati, cittadini compresi, in un tempo limite di 30+30 giorni dalla pubblicazione in Albo Pretorio, di inviare osservazioni in merito; sarà quindi necessario un successivo passaggio in Consiglio Comunale per la definitiva approvazione. ( Si ricorda che la Lista Cittadini per Spilamberto ha votato contro, mentre Prima Spilamberto si è astenuta, a favore ha votato la Lista Spilamberto col centrosinistra guidata dal sindaco PD Costantini).

Prendiamoci quindi il tempo di valutare dubbi e perplessità che possano emergere dalla lettura degli atti.

Analizziamo alcuni aspetti della Variante 4.

variante 4 uno

 


L’ obiettivo della variante nel Comparto Le Alte ex Sipe-Nobel “è quello di integrare le funzioni compatibili all’interno del Piano Particolareggiato caratterizzato da attività produttive, nell’ottica di promuovere comparti polifunzionali (la cosiddetta mixité) con funzioni compatibili che migliorino la qualità dei sevizi degli ambiti produttivi, promuovendo anche il commercio al dettaglio.

Viene quindi ammessa la funzione D/8 – “fabbricati costruiti od adattati per speciali esigenze di attività commerciali, limitatamente a una superfice massima di 250 mq di SV alimentari e non alimentari, per ogni lotto insediato”. 

I lotti edificabili sono 37, poco meno quelli insediati.

Quindi da un commercio già attivo, ma limitato agli spacci ed ai punti vendita per le produzioni aziendali, si passerà a 37 possibili attività commerciali alimentari e non.

Viene da chiedersi per quale motivo l’Amministrazione abbia deciso proprio ora di promuovere il commercio al dettaglio nel comparto.

E ancora, se siano state valutate le ricadute sui commercianti del territorio già così pesantemente segnati dalla crisi dopo la pandemia.

Una cosa curiosa è che dal Documento di Valsat allegato alla Delibera approvata, spunta un elaborato con una grande rotonda ad est che impatta sulla ciclabile e che servirà per il collegamento dell’area alla Pedemontana.

variante 4 2

Collegamento già previsto nel lontano 1997 ma senza la grande rotonda.

Ci sono dati oggi che confermino che le rotonde sono più funzionali alla tutela di pedoni e ciclisti rispetto ad un normale incrocio con attraversamento a chiamata ad esempio?

Non era possibile prevedere un’uscita dal comparto senza creare questo potenziale pericolo per gli utenti più deboli?

Non ci sono buone notizie: i dati Istat confermano un aumento di vittime della strada in Emilia Romagna nettamente superiore al dato nazionale dove la tipologia più pericolosa, dopo lo scontro frontale, è l’investimento di un pedone.

Anderlini Fiorella

variante 4 3

Informazioni su Condividere Spilamberto

Spilamberto,Cittadinanza Attiva
Questa voce è stata pubblicata in istituzioni, locale e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...