Nidi e Scuola Infanzia oltre allo zero/sei c’è  un progetto molto ambizioso.

asilo tre

la Regione Emilia Romagna e Nidi gratis

I Nidi ( Zero/tre) per effetto del Titolo Quinto della Costituzione sono di competenza esclusiva delle Regioni e perciò  così scriveva nel suo programma il presidente Bonaccini : ‘Nei prossimi 5 anni azzereremo le liste d’attesa e renderemo gratuito il Nido per accogliere tutte le bambine e tutti i bambini …. È il più grande investimento educativo degli ultimi decenni, iniziato lo scorso settembre e che completeremo nella prossima legislatura…  Vogliamo essere la prima regione che rende universale e gratuito il Nido come diritto di cittadinanza’.
Condivido l’ambizione di questo macro-obiettivo, ne colgo la grandiosità e lo trovo complementare al progetto tre-diciotto ( Vedi sotto). Significa, talaltro ,  mettere le madri  in condizione di lavorare. Bonaccini ha, anche per questo, ottenuto il mio voto.

Tre/diciotto?

L’obiettivo nazionale della politica progressista sull’Istruzione propone di rendere obbligatoria tutta la scuola di ogni ordine e grado: dai tre ai diciotto  anni.  Il governo lo ha inserito nell’agenda 2020/2023. Un progetto, questo, ardito. Contro una società sempre più diseguale, su proposta del PD di Leu e dei Cinque Stelle, viene messo in campo la più imponente azione di contrasto alla diseguaglianza che mai si potesse immaginare. Un vero rilancio dell’art.3 della Costituzione. Un articolo che, nelle diverse scuole dell’infanzia (Statali, Comunali e Parificate) del comune di Modena, viene disatteso. Una decisone, quelle dell’obbligo scolastico tre /diciotto  che ha lo stesso significato che ebbe a suo tempo la richiesta delle otto ore lavorative e del suffragio universale. Non so se riusciranno a realizzare a breve l’obiettivo, ma quello che conta è che la sinistra ha un orizzonte.

Oppure zero/sei?

Occorre cercare di capire se il progetto zero/sei  sia in sintonia con quanto bolle in pentola a livello nazionale. Si è arrivati, in questa vicenda, a resuscitare  la malfamata legge 107, ovvero la legge sulla “buona scuola” di Renzi, per giustificare il progetto modenese. La legge 107 è stata sconfitta alle urne, contrastata da anni di lotte sindacali. I governi che si sono succeduti a Renzi, hanno provveduto a smontarla, pezzo dopo pezzo. La legge 107  fu al centro della contestazione dei docenti perché era lampante che  avrebbe chirurgicamente de-costituzionalizzato la scuola. La legge 107 utilizzava lo zero/ sei come cavallo di Troia per creare e legittimare, mettendoli sullo stesso piano, Stato, Comune e Scuole Parificate,  un modello di gestione mista da esportare, poi, nelle scuole di ogni ordine e grado.

La Costituzione

L’ Articolo 33 della Costituzione non a caso recita  “… La Repubblica… istituisce scuole statali per tutti gli ordini e gradi. Enti e privati hanno il diritto di istituire scuole ed istituti di educazione, senza oneri per lo Stato”. Vorrei sottolineare che la Costituzione non parla di scuole comunali, o di  parificate ma di scuole statali.  Riproporre zero/sei a Modena non significa solo contrapporlo al tre diciotto nazionale (Questo si chiama fuoco amico ), ma significa provocare gli insegnanti più avveduti, mettendo  in campo uno  spot elettorale contro il PD, ritenuto responsabile della Buona Scuola.

Scuole dell’infanzia comunali: una grande esperienza ora in esaurimento

In base ai dati del MIUR  del 2018/19, gli iscritti alla scuola dell’infanzia, in Italia, erano in totale 1.460.538. Gli iscritti alle scuole d’infanzia statali erano il 63%. Quelli delle scuole paritarie erano 541.447, pari al 37% di cui le scuole comunali rappresentano il 9% e quelle paritarie private il 28%.  Non ci sono dunque le condizioni per un progetto zero-sei comunale; I dati dicono che la scuola dell’Infanzia comunale a livello nazionale è al 9 %  ed ogni anno la percentuale cala.

Statizzazione graduale delle scuole di Cresci@mo: per ridurre  frammentazione e stratificazione sociale

Penso che, invece, anche a Modena, si dovrebbe gradualmente statizzare, man mano che il turn-over delle maestre lascia liberi dei posti di  Cresci@mo.  I Cittadini del Comune di Modena disporrebbero di quasi 3 milioni di euro da investire nei Nidi e per la qualificazione delle scuole dell’infanzia (statali, comunali e parificate). Un bel tesoretto per ridurre i costo dei Nidi e contrastare la stratificazione sociale precoce dovuta dalla  frammentazione del sistema pubblico/privato delle scuole dell’infanzia allocate nel comune di Modena.

Omer Bonezzi ex Dirigente Scolastico.

 

Informazioni su Condividere Spilamberto

Spilamberto,Cittadinanza Attiva
Questa voce è stata pubblicata in locale, nazionale e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...