Amazon (?). Venduta area Rio Secco. Il dilemma è: “Salute contro Sviluppo”!

inquinamento

Sviluppo VS Salute. Adesso viene il bello! Intanto preoccupiamoci della nostra salute e della salute dei nostri figli e nipoti.  Quali garanzie sul traffico? Quali garanzie sull’inquinamento dell’aria?

Sintesi della Gazzetta:

(…)  L’ area da 200 mila metri di Rio Secco è stata venduta. La “Spilamberto Nord”, controllata al 100% dalla Piacentini ora impegnata in una complicata procedura del fallimento, ha firmato una settimana fa il contratto definitivo.

L’ 8 maggio  (…) , è stato siglato l’ accordo di cessione tra la società modenese e la Logiman, una società di Crema, per una cifra di poco superiore a 6 milioni e 200 mila euro. A fianco di quest’ ultima è pure impegnata nell’ operazione la Vailog, specializzata nella costruzione di centri di logistica integrata, mentre Logiman è una realtà consolidata a livello nazionale nella progettazione di grandi insediamenti.

Con la vendita la “Spilamberto Nord”, ha saldato i debiti con i due creditori maggiori, ovvero il Comune di Spilamberto per Imu non pagata dal 2007 pari a 260mila euro, e Bper per 4,5 milioni. (…)

Ma c’ è di più. I compratori si sono seduti attorno al tavolo solo quando hanno avuto tutte le garanzie per poter partire, già dai prossimi giorni, con le autorizzazioni edilizie per i capannoni e per le opere di urbanizzazione. E quando hanno avuto tra le mani quei provvedimenti operativi, che permettono loro di far lavorare le ruspe già da domani mattina, si sono seduti firmando acquisto e assegni finali.

Il preliminare di vendita è stato firmato il 28 aprile 2018. Ma ci sono voluti due anni esatti per arrivare in fondo a un percorso che ha visto la levata di scudi di una parte di Spilamberto con una petizione di oltre 400 firme che chiedeva lo stop alla cementificazione di un’ area più grande del centro storico del paese. Inoltre il sindaco Costantini doveva fare i conti con la rielezione; in campagna elettorale su questo argomento ha tenuto un profilo basso, accennando genericamente a un polo della logistica.

L’ anno scorso, dopo la rielezione, uno dei primi provvedimenti è stato il via libera definitivo all’ insediamento con una delibera programmatica passata in Consiglio, a dispetto di contrari e astenuti. Poi più nulla a parte gli esposti alla Corte dei Conti da parte del Comitato che si batte contro la cementificazione dell’ area e a una mobilitazione porta a porta, con tanti interventi sui social e l’ appoggio della lista Cittadini per Spilamberto. (…)

«Siamo riusciti a portare a termine la procedura con la cooperazione di tutti, a partire dal geometra Giancarlo Grenzi – commenta il consulente d’ azienda e amministratore unico della “Spilamberto Nord”, Claudio Morselli, già al vertice di Sgp Sassuolo – I creditori sono stati saldati e i lavori di urbanizzazione potrebbero iniziare a giorni». (…)

L’ ammontare del bussiness? Le cifre più accreditate parlano di 25-30 milioni, ma i conti si conosceranno alla fine. Nessuna conferma infine sull’ insediamento di Amazon: la multinazionale non si è mai esposta.

Saverio Cioce. Tratto dalla Gazzetta di Modena del 16 /5/20

inquinamento due

 

Informazioni su Condividere Spilamberto

Spilamberto,Cittadinanza Attiva
Questa voce è stata pubblicata in locale e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...