Spilamberto la Busa e la Complanarina. Establishment: avanti con le ruspe!

grillo

Quello che fa male in questa vicenda è il disprezzo delle ragioni espresse dalle persone che, pur propositive, non sono state ascoltate. L’establishment non li ha trattati da cittadini ma da paria. Buona Lettura CS

(…) SPILAMBERTO Il progetto della complanarina tra San Donnino e il casello di Modena Sud è in dirittura d’ arrivo al ministero dei Trasporti. L’ approvazione di Autostrade per l’ Italia è un «passo avanti decisivo» sottolinea soddisfatto il sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli mentre nella zona La Busa rimonta la protesta di ristoratori e acetaie. «Non siamo contrari alla complanarina ma il tracciato previsto avrà un impatto ambientale troppo pesante» sottolineano Davide Lonardi di Acetaia Villa San Donnino e Luciano Guerri della trattoria La Busa. La complanarina faceva parte dell’ accordo siglato nel lontano 2002 tra Comune e Provincia di Modena, Regione, Autostrade spa e Anas per la realizzazione della quarta corsia dell’ autostrada A1 da Modena a Bologna. Il progetto prevede un tratto di circa 6 chilometri che collegherà la Nuova Estense (all’ altezza di Cantone di Mugnano) al casello di Modena Sud passando a ridosso di San Donnino. Dopo aver ricevuto il via libera da Autostrade per l’ Italia il progetto arriverà a breve al Ministero dei Trasporti che dovrà dare l’ ok definitivo a cui seguirà la gara d’ appalto. «Un investimento strategico per il nostro territorio, contribuendo a migliorare la sicurezza stradale, spostare il passaggio dei mezzi pesanti dalla zona urbana e ad alleggerire il traffico sulla Vignolese e su via Gherbella» sottolinea Muzzarelli ricordando che, rispetto alle ipotesi iniziali sono state apportate alcune migliorie tra cui una variante che corre a ovest del borgo Paganine. Migliorie che non bastano all’ Acetaia Villa San Donnino e alla trattoria La Busa.

«La Complanarina passerà sui terreni adiacenti alla Villa – spiegano – questo comporterà un grosso danno perché i turisti che vengono a visitare la Villa e l’ acetaia, 15mila all’ anno, apprezzano anche il contesto naturalistico intorno. Temo che la mia attività sarà costretta a chiudere».

L’ associazione aveva provato negli anni scorsi a presentare un progetto alternativo, «bastava una piccola variante ma non ci hanno ascoltato». «Abbiamo solamente criticato la parte finale del percorso fortemente impattante sulla frazione Busa perché prevede la chiusura della storica via Medicine, sede di diverse attività ed abitanti che hanno creato nel tempo sinergie che verrebbero distrutte». (…) Tratto da Gazzetta di Modena 23/3/20

 

Informazioni su Condividere Spilamberto

Spilamberto,Cittadinanza Attiva
Questa voce è stata pubblicata in ambiente, cittadinanza attiva, locale, nazionale e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...