Europei? Sono quelli che si rubano tra loro le mascherine sanitarie!

virusRubare/trattenere  le mascherine sanitarie ( gli ultimi sono i ceki ed i polacchi!) è uno spettacolo indecoroso ed è immagine/episodio difficilmente dimenticabile. Peserà! Di seguito i

commenti della stampa alla giornata del 26 Marzo 2020, data che ha tramortito l’idea di Europa Unita! Buona Lettura CS 

Ecco il mattinale. Venerdì 27 marzo ecco la sintesi di Andruccioli delle prime pagine dei giornali.

La brutta Europa” (Repubblica), “Una crepa nel muro” (Il manifesto),  “Scontro in Europa sugli aiuti” (Corriere della Sera), “La Ue litiga.  Le imprese: ora fondi italiani” (La Stampa), “Il vaffa di Conte alla  fu Europa” (Il Fatto Quotidiano). Tutti i quotidiani di oggi titolano  sulla notizia del giorno: lo scontro che si è consumato ieri nel  Consiglio europeo dove i “falchi” del Nord (con la Germania e l’Olanda  in prima fila) hanno bloccato i piani di aiuti e l’introduzione di  eurobond. Le cronache registrano il pressing italiano che si è  tradotto in una frase forte del presidente del Consiglio italiano: se  non si decide una linea comune, faremo da soli. Alla fine, dopo una  giornata di videoconferenza, i paesi europei hanno deciso di prendersi  un po’ di tempo per decidere: due settimane.

virus betaL’Europa si presenta  dunque ancora divisa ad un appuntamento cruciale ripetendo lo schema  catastrofico utilizzato negli ultimi anni a partire dalla crisi greca  (“Il portafoglio prima del cuore”, è il titolo dell’editoriale di  Repubblica firmato da Massimo Giannini). Tra le varie aperture un po’  più ottimiste quelle del Sole 24 ore e dell’Avvenire. Il primo,  giornale degli industriali, titola: “Aiuti Ue: ultimatum dell’Italia,  poi l’intesa”. Il secondo, quotidiano dei vescovi italiani, parla di  un importante compromesso raggiunto in Europa. Da più parti si  continua a commentare il messaggio lanciato da Mario Draghi, ex  presidente della Bce, dalle colonne del Financial Times: siamo di  fronte a un fatto biblico, è necessario sfondare il debito per  sostenere l’economia. L’intervento di Draghi viene visto soprattutto  come una forte pressione verso la Germania e la sua cancelliera,  Angela Merkel e indirettamente come un appoggio a distanza al  presidente del consiglio Conte. Nel frattempo gli Usa, abituati ai  primati, conquistano il primo posto al mondo nei contagi, prima della  Cina e dell’Italia. Ma sono ancora incerte le indicazioni del governo  nel contenimento della pandemia. Discorso analogo per la Gran Bretagna  dove regna la confusione e la preoccupazione. Tra le altre notizie di  ieri quelle relative al bollettino quotidiano sull’andamento  dell’epidemia nel nostro Paese. Preoccupa in particolare il dato sui  contagi in Lombardia che continuano a crescere. A Milano l’allarme è  massimo. La ministra dell’istruzione ammette che il governo non è in  grado ancora di dare una data certa per la riapertura delle scuole,  mentre si semplifica il procedimento dell’esame di maturità. Intanto  però uno studente su cinque e senza lezioni online con il rischio di  aggravare le diseguaglianze. Allarme dei  sindacati sull’erogazione degli ammortizzatori sociali. Dopo l’accordo  con il governo sulle produzioni da interrompere, i sindacati  confederali esigono l’applicazione completa delle norme per mettere in  sicurezza i lavoratori. “Solo il lavoro sicuro è in grado di  rilanciare il Paese”. E’ tornato a dirlo ieri il segretario generale  della Cgil, Maurizio Landini, secondo il quale “la salute di chi  lavora è la priorità assoluta” e “la protezione è il bene centrale su  cui costruire il futuro”. Intervistato da Rai Radio 1, Landini ha  ribadito che questo “è il momento della responsabilità e della  trasparenza, e non delle furbizie”. Di  fronte alle aziende che  cambiavano i codici di produzione per non sospendere l’attività, il  leader della Cgil ha fatto notare che il sindacato ha espresso la  propria posizione “pubblicamente”, ritenendo “necessario fare una  discussione in trasparenza”, perché “tutto deve avvenire alla luce del  sole”

 

Informazioni su Condividere Spilamberto

Spilamberto,Cittadinanza Attiva
Questa voce è stata pubblicata in ambiente, cittadinanza attiva, politica, Senza categoria e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...