Più Ossigeno ( Comitato per il no alla Variante di Rio Secco) si rivolge alla Corte dei Conti

pierrot alfa

Molta confusione sotto il cielo. La Piacentini Costruzioni è fallita ed incerto è il destino dell’immobiliare Spilamberto Nord  ( La Piacentini Costruzione è socia al 100%  della Spilamberto Nord). Immobiliare che  è proprietaria dei lotti di terreno di Rio Secco  su cui costruire un’area

logistica che,  a detta dei giornali, dovrebbe prevedere un insediamento di Amazon. Situazione ingarbugliata, al di là della volontà stessa dell’amministrazione. Sospendere in autotutela gli atti sarebbe indispensabile e conveniente per l’amministrazione Comunale  stessa.  Buona Lettura  CS

Ecco il comunicato

pierrot betaIl comitato Più Ossigeno, dopo aver raccolto 453 firme per chiedere agli amministratori di Spilamberto di fermarsi e rivedere la loro decisione circa la creazione di un polo logistico (Amazon?) in area Rio Secco Sud, comunica di aver presentato un esposto alla Corte dei Conti per accertare eventuale responsabilità erariale ovvero illegittimità di atti amministrativi relativi alla Variante Rio Secco Sud. Infatti, leggendo attentamente gli atti, ci siamo chiesti come sia possibile che la Spilamberto Nord abbia variato sette delle sedici tavole al fine di recepire le indicazioni della Provincia mantenendo inalterato il preventivo di spesa fino ai centesimi di euro.

Un preventivo di poco più di un milione e mezzo invariato anche dopo previsioni di interventi come, ad esempio,” la rotatoria a servizio dei due comparti (Rio Secco Nord e Rio Secco Sud)” integralmente a carico della Spilamberto Nord.

Non appaiono inoltre sufficientemente tutelati gli elementi di interesse pubblico inseriti nella disposizione del Presidente della Provincia. Non solo ne sono rigettate nella sostanza le prescrizioni, ma anche i pur modestissimi aggiustamenti annunciati dalle controdeduzioni non trovano traduzione negli elaborati approvati, ma sono rimessi ad accordi fra privati ed a future progettazioni.

pierrotIl Comitato più Ossigeno, attraverso la sua portavoce Maddalena Vandini, chiede alla Giunta, in attesa dei necessari chiarimenti, che proceda in autotutela alla sospensione degli atti inerenti la Variante Rio Secco Sud. Sospensione necessaria anche perché, dopo il fallimento della Piacentini Costruzioni proprietaria della Immobiliare Spilamberto Nord, il quadro della vicenda è diventato più ingarbugliato.

Avendo inoltre constatato, nel rapporto diretto con i cittadini durante i banchetti di questi mesi, quanta disinformazione ci fosse sull’argomento, sarebbe certamente opportuno valutare la possibilità di proporre un Referendum Consultivo come da art. 6 dello Statuto comunale, così da informare e chiedere il parere degli spilambertesi.

Informazioni su Condividere Spilamberto

Spilamberto,Cittadinanza Attiva
Questa voce è stata pubblicata in ambiente, istituzioni, locale e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...