Diario del disincanto sulle elezioni viste da Spilamberto (4)

amazonUfficiale i leghisti hanno una rosa pubblica di nomi per il collegio provinciale. Per Modena città: Antonio Baldini , Beatrice De Maio, Paolo Casolari, di Luca Bagnoli e Luigia Santoro, Per la montagna c’è la ex candidata di Polinago Simona Magnani, per la Bassa Roberto Garuti di Bomporto e Lorena Mantovani di San Possidonio, per la Pianura spicca il sindaco di Vignola Simone Pelloni e per Carpi l’ex candidata sindaco Federica Boccaletti. A Sassuolo corre Stefano Bargi. Sono in campo anche i nomi dei due parlamentari: Stefano Corti e Guglielmo Golinelli funzionali  per trainare la lista. La scelta della Lega è evidente: candidano persone conosciute! Intanto puntano a raccogliere voti, poi si vedrà!!

La discussione mediatica di questa settimana  si è concentrata sulla candidatura del sindaco di Vignola Simone Pelloni, che se  eletto a Vignola si dovrà tornare a votare per il Comune .

La narrazione, che trova il consenso del centro destra ed anche dei loro elettori,  è questa: “Se Pelloni viene eletto e vince la Borgonzoni, ha un senso che  rimanga a Bologna, perché, potendo governare, per Vignola Pelloni potrebbe fare tanto. Se invece dovesse vincere Bonaccini, allora dovrebbe rinunciare al seggio, molto meno produttivo, e continuare a fare il Sindaco”.

Nota
Il candidato Pelloni è conosciuto ed è ritenuto persona corretta . Ha un vantaggio: non ci sono, per ora, altre candidature in zona. Né nella lista del PD e neppure in quella dei PaP ( che non sappiamo se riusciranno a raccogliere le firme per presentarsi). Le altre liste, per ora, non sono pervenute! Vedremo se ci saranno antagonisti di Pelloni oppure se rischiamo che ci sia solo lui di conosciuto in grado di raggranellare voti in Terre di Castelli . Pelloni è un moderato e raccoglie voti al centro: Qualcuno del centrosinistra si sta chiedendo addirittura se non sia necessaria una soluzione uguale e contraria utilizzando la lista del presidente prossima ventura. Si tratta, qui ed ora, di contendersi il voto moderato della zona di Vignola.

Sul piano programmatico registriamo  un punto di convergenza tra Bonaccini e la lista eco-civica di sinistra dei coraggiosi . tutti sono concordi che il primo problema sia governare la transizione ecologica. La presenza degli eco-civici di sinistra della Lista dei Coraggiosi sta sgretolando la granitica determinazione della Giunta Regionale a procedere con la realizzazione della Autostrada Cispadana, una opera che consuma il territorio agricolo e che ci costa 1,3 miliardi di euro. Il presidente Bonaccini ha annunciato uno studio per verificare la sostenibilità economica e sociale dell’opera. Questa questione fino a ieri era indiscutibile, si doveva fare e basta! La  presenza di alleati ambientalisti nella coalizione che sostiene Bonaccini ha già cambiato le cose. E’ certo che una forte presenza di eco-civici di sinistra della lista dei Coraggiosi e dei Verdi condizionerà eccome l’operato del presidente Bonaccini, soprattutto sulle questioni ambientali. 
BoOm

P.S.  Continua la pioggia di Sardine !

.

Informazioni su Condividere Spilamberto

Spilamberto,Cittadinanza Attiva
Questa voce è stata pubblicata in cittadinanza attiva, istituzioni, locale e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...