Bibbiano. Emilia allontanamenti minori nella media nazionale (2,6 su mille) inferiori a quelli di altri Paesi europei’

cicogne
Pubblichiamo stralci  della relazione della Commissione  Regione Emilia Romagna sulla  vicenda di Bibbiano. Abbiamo parlato di Bibbiano e tanto! I dati comparativi , emersi dalla commissione, descrivono una situazione d’eccellenza che rende ancor più squallido e incredibile quanto è accaduto a  Bibbiano, così come è stata squallida e ingiusta  la strumentalizzazione politica che ne seguì.

La commissione ha preso atto di una situazione d’eccellenza e delineato un progetto per migliorare il sistema di tutele dei minori in difficoltà. Ci farebbe piacere, ora,  che tutte le coalizioni che concorreranno nella prossima tornata elettorale per la presidenza della Regione prendessero atto della situazione ed adottassero come programma elettorale le raccomandazioni della Commissione Regionale per la tutela dei minori. Scopo, questo, che dovremmo condividere tutti. Buona Lettura CS
La Commissione tecnica regionale sui fatti di Bibbiano ha ultimato il proprio lavoro. ‘L’analisi effettuata dalla Commissione negli oltre tre mesi di lavoro, evidenzia innanzitutto come la legislazione regionale sia coerente con quella nazionale e si collochi tra i sistemi più attenti in materia di diritto di famiglia e dei minorenni – si legge in una nota -. I fatti della Val d’Enza, se confermati, sarebbero dunque gravissimi ma estranei e incompatibili con l’impianto normativo vigente; conseguenza di prassi non solo distorte, ma opposte rispetto a quanto previsto e raccomandato anche a livello regionale’.

cicogne due‘Tra le principali conclusioni tratte dalla Commissione anche confrontando i dati regionali con quelli nazionali ed europei, è che gli allontanamenti dei minori in Emilia-Romagna sono esattamente nella media nazionale: 2,6 allontanamenti su mille minorenni residenti, e nettamente inferiori a quelli di altri Paesi europei, che ad esempio nel caso di Inghilterra, Germania e Francia raggiungono rispettivamente 6,1, 9,6 e 9,5 su 1.000. Il numero dei minorenni allontanati dal nucleo famigliare in Emilia-Romagna negli ultimi anni mostra un incremento del 4,2%, passando dai 2.181 del 2014 ai 2.272 del 2017. Va inoltre considerato che quando si parla di allontanamento si fa riferimento a diverse tipologie: parziale o a tempo pieno, parentale o etero famigliare, consensuale o giudiziale. I dati evidenziano anche che in Emilia-Romagna l’affido in famiglia è nettamente la scelta privilegiata; nel 2017, infatti, sui 2.272 casi di allontanamento, i minorenni in affidamento famigliare erano ben più della metà: 1.432, contro 840 inseriti in comunità – afferma la nota regionale –. Per quanto riguarda lo standard di personale previsto dalle Linee di indirizzo regionali del 2014 (almeno 1 assistente sociale ogni 5.000 abitanti), risulta pienamente rispettato su tutto il territorio regionale, con una media di 1 assistente sociale per 3.250 abitanti’.

cicigne 3Norme di qualità – questo il giudizio della Commissione – occorre però renderle più cogenti e favorirne l’omogeneità di applicazione su tutto il territorio regionale. Da qui, la proposta di costruire un “Percorso di qualità della tutela dei minorenni” a regia regionale che lavori con specifici obiettivi: ridurre al minimo la variabilità delle interpretazioni e attuazioni delle norme; sostenere i professionisti (operatori sanitari e sociali, operatori del privato sociale e del terzo settore, esperti giuridici) e le famiglie affidatarie – che costituiscono un grande patrimonio di questa regione – con attività di formazione continua e condivisa, competenze specialistiche e strumenti validati e omogenei; promuovere la figura dell’esperto giuridico (prevista dalla normativa regionale ma poco diffusa) e un’attività di autocontrollo del sistema sociosanitario che consenta di evidenziare eventuali scostamenti dagli standard – continua la nota -.

Alla Regione spetterebbe la funzione di supporto ai servizi e agli Enti locali nell’avvio del Percorso, di monitoraggio e di sostegno alla sua attuazione attraverso il coordinamento delle equipe di secondo livello.

cicogne quattroAltre proposte . ‘Tra le indicazioni fornite dalla Commissione relativamente all’organizzazione del personale dei servizi tutela minori (in capo a Comuni o Unioni con la collaborazione delle Ausl) quella di avere equipe territoriali formate da figure stabili di almeno un assistente sociale e uno psicologo (e, ove possibile, un educatore professionale), che – soprattutto se si occupano di casi di maltrattamento e abuso – abbiano già maturato esperienza in altri settori e un adeguato curriculum formativo. Una delle criticità rilevate, infatti, è che il personale non sempre è sufficiente a sostenere la complessità del sistema, interessato da un elevato turnover e da risorse a volte inadeguate. Tra le necessità evidenziate anche quella di attivare su tutto il territorio equipe di secondo livello multidisciplinari, specialistiche sull’abuso e il maltrattamento, coordinate dalla Regione. Da applicare in modo più omogeneo anche un altro elemento previsto dalle Linee di indirizzo regionali, cioè il lavoro di prevenzione dell’allontanamento e di sostegno alle famiglie in situazione di vulnerabilità, anche attraverso un migliore utilizzo dei Centri per le famiglie, che rivestono un ruolo importante nella promozione di interventi di sostegno alla genitorialità’.

Nota del blog i dati della commissione sono un vero boomerang nei confronti    di chi , attraverso  Bibbiano, sta picconando  il sistema emiliano preposto alla tutela dei minori. 

Informazioni su Condividere Spilamberto

Spilamberto,Cittadinanza Attiva
Questa voce è stata pubblicata in istituzioni, politica e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...