Salviamo Spilamberto:Tre spillini in un okkio.

spilli unoPubblichiamo tre micropost tratti dal blog salviamospilamberto.blogspot.com    Buona lettura CS

Comune informa (2)

Se Spilamberto deve ospitare (per decisione dei piani provinciali e comunali) distese di attività produttive, nella valutazione e autorizzazione dei progetti si è cercato di minimizzare il danno all’ambiente e alla salute?

L’Amministrazione Costantini dice assolutamente di sì, come pubblicato sul “Comune informa”. Una ricerca autorevole, pubblicata su tutti i quotidiani nazionali, dice invece l’esatto contrario.

Il settore dei Servizi di trasporto e logistica presenta la maggiore intensità di danni ambientali e sanitari delle emissioni in atmosfera in relazione al beneficio economico direttamente generato, con un valore di 49 euro ogni 1000 di valore aggiunto del settore.

L’articolo di Repubblica

spilli 2Il social-ista ( con trattino) 

Al giorno d’oggi esiste un particolare socialista, che si spaccia come tale e forse ritiene di esserlo, ma che non ha nulla a che fare con i diritti dei cittadini e dei lavoratori.

È in realtà un politico da social, ovvero da pagine web con bei filtri colorati, dove le persone diventano personaggi e la realtà diventa favola. Questo odierno social-ista (con trattino) non combatte per un mondo migliore, non difende la sua gente, ma dipinge un mondo irreale in cui i problemi non ci sono o sono altrove.

Il social-ista (sempre con trattino) magari si impegna con dichiarazioni accorate per la salvaguardia dell’Amazzonia e poi nel suo territorio promuove il consumo di suolo.

Nella vicenda del polo logistico, nei fatti, il Sindaco ha combattuto con i cittadini? Ha difeso il bene comune? Quando sostiene (sul Comune informa) che non poteva fare di meglio per l’ambiente, è proprio vero? E poi sta dicendo tutto o si scoprirà altro? Il Rio Secco, ad esempio, è tutelato o diventerà uno scolo industriale?

I dubbi sono tanti. Non c’è dubbio invece che speculatori e multinazionali trovino nei social-isti (con trattino) favorevoli armi di distrazione di massa.

spilli unoIl Nuovo latifondo 

A pensarci, la storia di Spilamberto è paradossale.  Per secoli il paese è stato dominato dal latifondo (grande possedimento terriero). Nel dopoguerra il latifondo è stato combattuto dall’Amministrazione Comunale portando a proprietà piccole e benessere diffuso. Oggi l’Amministrazione Comunale approva e sostiene il nuovo latifondo, l’immenso capannone in mano a una singola proprietà. C’è da sperare (non ne siamo così sicuri) che anche le condizioni di lavoro non assomiglino sempre più a quelle feudali.

Quando il Sindaco parla di 400 posti di lavoro, conosce le condizioni di questi lavoratori? Ricorda i diritti conquistati?

Informazioni su Condividere Spilamberto

Spilamberto,Cittadinanza Attiva
Questa voce è stata pubblicata in locale e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...