Bibbiano, dove sta il bene dei bimbi. Lettera aperta degli operatori dell’infanzia

infanziaPubblichiamo la lettera aperta di operatori dell’infanzia che  a vario titolo lavorano con i minori. La lettera è firmata da numerosi  modenesi. Se a Bibbiano sono successe cose turpi di violenza od altro,  chi ha sbagliato deve pagare e tanto, però, al netto delle fantasie

( penso all’accusa strampalata  di utilizzare l’elettroshock  nei confronti dei bambini o l’accostamento del sindaco PD alla vicenda che  è indagato per abuso d’ufficio per concessione di locali).  Il gruppo Hansel e Gretel è stato ritenuto degno di supporto economico da parte dei Cinque Stelle, se hanno fatto errori, hanno  ingannato anche  i Cinque Stelle e ci chiediamo perché non avrebbero dovuto ingannare il PD? La ragione per cui abbiamo pubblicato la lettera, però, è un’altra. Nella lettera vengono riportati i dati esatti del disagio dei minori e bisogna dire che i minori in difficoltà  sono tanti, troppi. Il disagio in questo sistema sociale è strutturale.   Fanno male i politici ad usare  una vicenda come quella di Bibbiano per metterla in politica trucida , dovrebbero invece impegnarsi tutti per sbloccare le assunzioni e per fornire i servizi di risorse adeguate.  Buona Lettura CS 

Ecco il testo della lettera. 

Che cosa è successo a Bibbiano e soprattutto che cosa succede in ogni casa famiglia o famiglia affidataria o residenza che sia? In un sistema complesso come quello dell’adozione e dell’affido è naturale che ci siano eccellenze ed errori. La eccellenza si trova in quei luoghi in cui l’operatore ha diritto ad una costante supervisione e la famiglia è ascoltata costantemente. La mostruosità si trova dove gli operatori agiscono per proprio interesse personale, dove i bambini vengono tolti a genitori che crescono i figli senza essere fonte di pericolo reale per loro. Dal 2000 il figlicidio ha coinvolto 447 vittime (fonte Eures).

Ma i dati dell’infanzia sono più rilevanti. Il 3% dei minori di 18 anni ha un handicap grave. Il 7% dei bambini ha problemi psichiatrici di varia natura. Il 10% dei bambini ha problemi di sviluppo neuropsicologico che si manifestano con disturbi nell’apprendimento e conseguenze nella socializzazione. Almeno un altro 10% ha problemi sociali.
Un tempo in Italia per loro c’erano Istituzioni totalizzanti con migliaia di bambini.

A metà degli anni 70 una vera riforma superò queste istituzioni per ridare alle famiglie il compito educativo che era stato loro tolto. Così siamo arrivati ad oggi con l’integrazione e l’inserimento dei bambini nella scuola di tutti proprio grazie ad affidamento familiare, case famiglia, centri cura. Queste istituzioni oggi seguono regole ben precise dettate dalla legge 149 del 2001. All’articolo 1 la legge afferma: il minore ha il diritto di crescere, essere educato nell’ambito della propria famiglia.

infanzia duePrima di allontanare si deve supportare la famiglia; provvedere a brevi periodi di affidamento che prevedano il reingresso in famiglia; se non si può, inserire il minore in una comunità familiare; se non si trovano famiglie o comunità disponibili, si deve usare un istituto vicino casa (vietato comunque per i minori di 6 anni). L’affido può avere durata massima di 24 mesi ed è prorogabile solo su giudizio del Tribunale dei Minori. Soltanto in caso di non documentata recuperabilità della famiglia e di abbandono del minore, si procede alla adottabilità. La procedura per l’adozione prevede l’obbligo di avvisare la famiglia di origine ed il suo diritto a nominare un difensore di fiducia e richiedere una consulenza tecnica d’ufficio. Oggi sappiamo che fuori dalla famiglia di origine vivono 26.420 minori, quasi uno su mille minori (Quaderni della ricerca sociale n.40. A cura del Ministro del lavoro. 2014), di cui 14.020 in affidamento familiare, 12.400 in servizi residenziali.

Da queste premesse risulta come il problema sia vasto e di sistema. Provvedere ai bisogni di migliaia di minori che si ritrovano a crescere fuori famiglia per almeno un periodo di tempo è cosa molto complessa. Ad occuparsene ci sono gli operatori sociali e sanitari dell’infanzia, dotati di risorse economiche e di personale sempre più ridotto e abbandonati dalla politica che si ricorda di loro solo ad ogni odore di scandalo, pronta a condannare prima che si celebrino i processi e rapida ad assolvere se stessa.
I professionisti dell’infanzia accolgono di buon grado una commissione di inchiesta che miri ad eliminare mostruosità e promuovere le eccellenze sul campo. Se invece il compito è negare il problema dell’infanzia e tornare al medio evo e alle istituzioni totali che il lavoro di tanti anni ha permesso di cancellare; se lo scopo è rinviare una legge per l’infanzia che tuteli i bambini e aiuti le famiglie, che sviluppi seri programmi di prevenzione e di cura anche sul maltrattamento e sull’abuso, che doti i servizi dissanguati delle risorse necessarie ai bambini; se così fosse allora i professionisti dell’infanzia sono contrari alla solita commissione fatta per affossare i problemi e continueranno a denunciare sui giornali lo stato di abbandono in cui i bambini e la loro cura sono lasciati ogni giorno.
FIRMATARI
Paolo Siani, pediatra, Napoli; Mauro Mariotti, neuropsichiatra infantile, direttore scuola psicoterapia Modena-Cesena; Fabio Bassoli, psicoterapeuta, direttore scuola psicoterapia Modena-Cesena; ed altri 180 operatori.

Informazioni su Condividere Spilamberto

Spilamberto,Cittadinanza Attiva
Questa voce è stata pubblicata in nazionale, politica, Senza categoria e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...