Rio Secco, Amazon(?) due delibere “frettolose” nel 2018 e a luglio. 2019 Una “storia strana” formato Umbi !

negativo treIl 30 luglio 2018 il Consiglio comunale, in tutta fretta, adottò la variante per trasformare l’area artigianale-industriale di Rio Secco Sud in un unico insediamento di 40.000 m²: (Un ecomostro di 200 metri per 200 alto 15,50 metri).
Il Sindaco motivò l’urgenza al Consiglio con i tempi stretti chiesti dall’azienda che doveva insediarsi. Quasi tutti allora a turarsi il naso, a chiudere gli occhi, a non leggere le carte e a fidarsi del Sindaco. L’economia e l’occupazione prima di tutto!!!

Poi accadde un fatto singolare: il 17 dicembre 2018 viene convocato un nuovo Consiglio nel quale, invece di approvare definitivamente la variante, si revocava la delibera di luglio con la giustificazione che la proprietà dell’area (Piacentini) si era resa disponibile ad integrare il progetto con la documentazione per attivare la Valutazione Ambientale Strategica (VAS). (cfr. articolo del 8.10.2018 su Condividere Spilamberto sulla nostra osservazione in cui chiedevamo la VAS).

Ora, con la delibera 78 del 27.05.2019 (27 maggio? proprio il giorno dopo le elezioni? in questo caso la Provincia si è presa 5 mesi interi. a pensare male spesso ci si prende. pensate se la delibera fosse stata pubblicata il 10 o il 15 maggio. ne avremmo sicuramente parlato in campagna elettorale. così invece …) della Provincia scopriamo come sono andate le cose realmente.
La Provincia, aldilà del linguaggio ufficiale, il 24.10.2018 ha detto al Comune che non condivideva la decisione di non prevedere la valutazione ambientale e che la VAS ci voleva eccome. Senza si potevano scordare il parere positivo della Provincia!!!

negativo dueRiunioni frenetiche tra il Comune e Piacentini fino a che il Comune, il 22.11.2018 comunica alla Provincia che la proprietà dell’area (bontà loro …) ha manifestato la volontà di integrare il progetto con la documentazione utile ad attivare la VAS.
In un mese nasce la volontà della VAS quando per mesi era stata negata. Siamo al ridicolo.
La cosa incredibile è che a chiedere la VAS non è il Comune, bensì la Proprietà. Questa è una barzelletta: è o non è il Comune il garante della correttezza delle procedure con un occhio (meglio due …) attento alle ricadute sul territorio, sia economiche che ambientali? E la VAS serve proprio per valutare queste ricadute.

Allora da dove nascerebbe questa nuova disponibilità di Piacentini?
Diciamo le cose come stanno: il Comune avallò nel luglio del 2018 la tesi che la VAS non serviva. La Provincia sconfessò il Comune. Il Comune per non fare una retromarcia imbarazzante a sei mesi dalle elezioni scarica sulla Proprietà questa scelta NON come atto dovuto ma come benevolenza.

Grazie a Piacentini (che si prende l’onere della retromarcia) !!! grazie alla Provincia (che da una parte impone la VAS e dall’altra pubblica la delibera dopo le elezioni comunali) !!!
grazie a Cittadinanza Attiva, Art Uno-MDP, SI, Cinque stelle, Legambiente (che nei tempi giusti aveva chiesto la VAS) !!!
Non ringraziamo il Sindaco per la mancanza di riguardo verso il consiglio comunale !!!

negativo quattroA questo punto una persona saggia o una maggioranza saggia impara dagli errori commessi, soprattutto quelli dettati dalla fretta.

Come era immotivata la fretta del luglio 2018, e si è visto com’è andata a finire, così è immotivata la fretta del luglio 2019.
Allora si poteva tranquillamente andare a settembre, e con le procedure corrette avrebbero potuto approvare la variante a marzo di quest’anno.

Oggi si può tranquillamente andare a settembre – ottobre, dando al nuovo Consiglio comunale un minimo di tempo per studiare le carte (sarebbe corretto e anche rispettoso), soprattutto alla luce della “figuraccia” dell’anno scorso.

Sarebbe saggio, visti gli errori commessi, e sarebbe corretto verso i nuovi consiglieri. Votano loro e rispondono in solido!

Vuoi leggere la delibera: clicca sotto, prima, però,  fai un profondo respiro, c’è da preoccuparsi!!

Delibera completa Rio Secco

Informazioni su Condividere Spilamberto

Spilamberto,Cittadinanza Attiva
Questa voce è stata pubblicata in istituzioni, locale e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...