GRAZIE! Fiorella e Claudio del M5S

fiorella alfSento il bisogno di ringraziare pubblicamente Fiorella e Claudio  perché hanno  fatto un’opposizione puntuale e precisa in consiglio comunale. Anderlini,  una maestra a cinque stelle, si è accollata con Ori l’ingrato compito di fare opposizione in Consiglio Comunale. Soli ma tenaci e combattivi i due consiglieri hanno dato senso  alla democrazia, accollandosi il compito più faticoso: Fare l’opposizione, garantendo così il funzionamento del gioco democratico.

Chiedo scusa, come cittadino di Spilamberto,  per l’ultimo giornalino comunale dove nell’ articolo del PD,  anziché ringraziarli per il loro lavoro, il gruppo di Morselli  non ha trovato di meglio che  insultarli ( Leggi giornalino) Nel contempo per me è inspiegabile la loro decisone di non ripresentarsi in consiglio comunale. Non  riesco a capacitarmi che risorse  preziose per la nostra comunità si  disperdino in questo modo. Grazie Fiorella e grazie Claudio.  BoOm

ULTIMO ARTICOLO nel giornalino comunale di Marzo di Fiorella Anderlini dei Cinque Stelle

Sfaccettature di democrazia

Approfitto di questo ultimo articolo del Giornalino prima delle Elezioni di maggio, per scrivere un breve ricordo della nostra esperienza in Consiglio comunale certi di aver fatto del nostro meglio per dare voce a quanti, 5 anni fa, hanno creduto nei valori portati avanti dalla nostra lista. Lista interamente formata da cittadine e cittadini prestati alla politica, che si sono comunque attivati cercando di colmare le proprie mancanze con lo studio degli atti, delle leggi, dei regolamenti e di quant’altro fosse necessario per svolgere al meglio il compito di indirizzo e controllo politico – amministrativo proprio della minoranza.

Accanto a me si sono succeduti i Consiglieri Manuela, Marco e Claudio che, compatibilmente con i loro impegni familiari e di lavoro, sono stati parte di questo percorso e meritano un sincero ringraziamento.

Tra i tanti, il valore che ritengo fondamentale per una democrazia, è proprio la partecipazione diretta dei cittadini.

Cittadini che si interessano, criticano, propongono.

Consapevolezza e propositività che, come un nuovo anelito, si sono respirati al Consiglio Comunale congiunto col Consiglio dei ragazzi sabato 16 febbraio, auspicando che si sia vissuto il primo passo verso una democrazia diretta e non una semplice formalità a conclusione di un progetto scolastico.

Fiorella anderliniSulla base dell’opportunità prevista dall’art. 8 comma 1 del T.U.E.L. e dal principio che discende direttamente dal diritto di sovranità popolare e dal diritto di cittadinanza riaffermato dalla normativa europea, sono infatti molti gli Enti Locali che hanno avviato nuovi processi per sviluppare una reale democrazia partecipata.

Mi riferisco in particolare allo strumento del Question Time che consente ai cittadini durante il Consiglio Comunale di formulare domande al Sindaco ed ai componenti della Giunta su problematiche inerenti il territorio comunale secondo modalità stabilite da un regolamento.

Come pure mi riferisco al Bilancio Partecipato, redatto allo scopo di condividere con i cittadini le scelte e la conseguente destinazione di fondi verso specifiche tematiche di maggior interesse per la collettività.

Tutte proposte avanzate dal nostro gruppo consiliare, ma bocciate da questa Amministrazione.

Il primo passo dovrebbe essere la modifica dello Statuto comunale che, se all’art. 4 prevede di promuovere “la partecipazione degli interessati, degli utenti e loro rappresentanze, delle formazioni sociali e delle associazioni titolari di interessi collettivi, come espressioni della comunità locale, alla formazione dell’indirizzo, allo svolgimento e al controllo delle attività poste in essere dalla amministrazione”, poi all’art. 10 ne definisce i confini stabilendo che “Le previsioni di partecipazione alla formazione di atti, di cui al presente articolo, non sono applicabili per l’adozione di atti normativi, di atti amministrativi generali, di atti di pianificazione e di programmazione e di atti relativi ai tributi”.

In un tempo come questo dove la Politica ha perso credibilità e fiducia agli occhi dei cittadini, occorre che proprio la Politica restituisca credibilità e fiducia ai cittadini dando voce alle loro proposte, consapevoli che attraverso la loro partecipazione in un clima di dialettica costruttiva, si possano ottenere risultati migliori nell’interesse della collettività.

Ricordate che “Il prezzo pagato dalla brava gente che non si interessa di politica è di essere governata da persone peggiori di loro” (Platone).

Anderlini Fiorella Portavoce m5s Spilamberto

FIORELLA BETA

Questa voce è stata pubblicata in locale, politica e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...