Ancora sulle elezioni comunali a Spilla ( Corsivo)

diavoletto alfa E’ per ora certo: Costantini si candida a sindaco per il PD.  Il resto appare  fumoso. Il sindaco voleva mettere insieme “i ragazzi della parrocchia ed i volontari di Rifondazione” contro i giallo verdi.  E’ stato, però, divisivo  ed anche nella variegata  sinistra (Vedi) i più unitari ne hanno  preso  atto e nessuna sigla a sinistra  farà parte del progetto di Umberto.

Non sarei poi così certo che  ci sia la Parrocchia: pare che non sia piaciuto il loro arruolamento forzato nelle file di Costantini .  Ora isolato anche nella sua idea furbetta di promuovere una crociata contro i giallo/verdi,   per avere l’alibi di non parlare di Spilamberto,   dovrà dire cosa ha fatto, cosa non ha fatto e cosa vuole fare, qui ed ora.

Abbiamo poi un pronunciamento politico di Rifondazione ( Vedi) che propone  elementi di continuità con la lista  Uniti a Sinistra ( Lista nata con un accordo tra diverse sigle).  In alternativa Rifonda andrà da sola.  

Molti, anche a Spilamberto, però, guardano con curiosità all’esperienza di “Modena Volta Pagina”, dove si partecipa  a titolo personale e senza egemonismi.  “Modena volta pagina”  sarà una lista di cittadini preclusiva verso Muzzarelli, che  è ritenuto un cementificatore ed aperta ad un confronto con i cinque stelle, incontrati  nelle lotte contro la cementificazione.

A Spilamberto l’ipotesi del listone che sulla carta poteva avere il 70% di voti, rischia di non decollare perché la vecchia consigliatura registra, qui a Spilamberto,  distanze notevoli tra il modo di fare  opposizione  dei Cinque Stelle e le  restanti opposizione  ( Vedi) .  Sono strascichi così pesanti, anche con ricadute personali, da riuscire ad  impedire la costruzione del listone modello  Savignano.

La candidatura di Lucio Curci   per i Cinque Stelle,  infine,   per ora  sembra  tramontata.

L’attuale sistema elettorale è ultra maggioritario.  E’ matematico: con due liste Costantini ed il PD perdono, con tre liste hanno ancora ottime probabilità di perdere.  Con quattro e più liste Costantini  ottiene   il Comune,  vince   per effetto dell’algoritmo matematico.  Potremmo trovarci di fronte ad uno scenario in cui  Costantini amministra con meno del 30% di Voti e 12 Consiglieri e le restanti tre o più liste con il 70% dei voti fanno opposizioni con 5 consiglieri. Chi ha  intenzioni  di promuovere liste dovrebbe fare anche i conti con questo modello elettorale.  Sappiamo tutti, infine, che Spilamberto  non può sopportare altri cinque anni di Costantini, pena  la trasformazione di Spilamberto,  da viva cittadina,   a  dormitorio desolato ed  anonima periferia

Corsivo  BoOm

diavoletto gamma

Questa voce è stata pubblicata in istituzioni, locale e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...