Non si   sceglie il  sindaco  perché “pensa” o “ride” ma sulla base di proposte per Spilamberto

DuelloLa vicenda locale è tuttora dominata dalla grande notizia : il PD è diviso e discute di due candidature: quella del sindaco uscente  Costantini e quella dell’assessore all’ambiente  Nardini e sotto traccia di un terzo  che faccia uscire la situazione dalla posizione di stallo !   Nardini propone una lista trasversale con un carattere civico molto più accentuato, cioè capace di andare oltre lo steccato del centrosinistra per allargarsi all’elettorato di centrodestra compreso.

 Costantini punta alla riedizione della vecchia lista composta da esponenti del PD e spera di vincere al ribasso!

Tutta questa vicenda richiama però alcune notazioni.     Entrambi i candidati PD, ciascuno a modo suo,  propongono uno schema per vincere le elezioni comunali. Nulla, però, dicono del loro fallimento e del mancato raggiungimento degli obiettivi che si erano dati. Nulla dicono sul generale giudizio negativo che c’è in paese. Debbono pur spiegare perché di 130 azioni proposte nel programma ne hanno realizzate una decina,  nemmeno il  10%. Debbono pure spiegare i ritardi nel realizzare anche i progetti ereditati e l’incapacità di dialogare con gli Spilambertesi.

Debbono altresì dire cosa vogliono fare per i prossimi cinque anni. Spiegare ai cittadini quale idea hanno di Spilamberto.

duello treDebbono dire se intendono continuare a tormentare i cittadini con il Porta a Porta formato Costantini / Nardini.  Debbono dire se intendono assecondare la speculazione  di Piacentini ( Editore di Democratica del PD)   a Rio Secco oppure fermarsi un attimo, cercare di capire e poi decidere. E dire chi si dovrebbe insediare in quell’area: Amazon o altri? e per fare cosa?

Se intendono riaprire il fascicolo della fusione del comune di Spilamberto con altre realtà oppure considerano definitivamente sepolta la balzana idea!    Insomma la scelta non può essere fatto secondo il criterio: scelgo Umberto perché ride o  Fabrizio perché è pensoso!!

Osserviamo che una parte della variegata sinistra, infine, ha fatto sapere la propria disponibilità a sostenere una lista civica che non escluda il PD ed ha posto come condizione la non ricandidatura di Costantini, ritenendo  inconcludente e negativa  la sua gestione e lui stesso divisivo.  Vista l’aria che tira per il PD (ora isolato), il fatto di ignorare così la proposta è segno che Dio davvero  acceca chi vuol perdere .  ( Corsivo) 

duello due

Questa voce è stata pubblicata in istituzioni, locale e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...