Spilamberto figli e nipoti rischiano la vita per l’aria avvelenata ( Inquinata)! Che fare?

aria omer tre

l’inquinamento dell’aria colpisce il 90% dei bambini nel mondo e il nord italia è il luogo peggiore dove vivere

 In Europa su 3,9 milioni di persone abitano in aree dove sono superati i limiti dei principali inquinanti il 95% vive nel Nord Italia

Sietesi post ecostampa 30 Ottobre 2018 

Il report si chiama Air quality in Europe 2018 (scaricabile nella versione in inglese cliccando qui) e per certi versi è impressionante e dovrebbe preoccupare  in primis governo e cittadini italiani. Alcuni numeri su tutti: in Europa 3,9mln di persone abitano in aree dove sono superati contemporaneamente e regolarmente i limiti dei principali inquinanti dell’aria (Pm10, biossido di azoto e ozono). Di queste, 3,7mln, cioè circa il 95%, vive nel Nord Italia. Il nostro Paese è al secondo posto in Europa per morti per Pm2.5 (60.600) e al primo per le morti da biossido di azoto (20.500) e per l’ozono (3.200).

 

 aria omerAir Quality Europe 2018

Il rapporto 2018 presenta gli ultimi dati ufficiali sulla qualità dell’aria riportati da oltre 2.500 stazioni di monitoraggio in tutta Europa nel 2016, La principale fonte di emissione di biossido di azoto (NO2) e particolato (PM) è il trasporto su strada, ma anche quelle prodotte dall’agricoltura, produzione di energia, industria e famiglie contribuiscono all’inquinamento atmosferico.

 

Gli impatti significativi sulla salute

Il particolato (PM), il biossido di azoto (NO2) e l’ozono troposferico (O3) causano il maggior danno alla salute umana. Le alte concentrazioni di inquinamento atmosferico continuano ad avere un impatto negativo sugli europei, in particolare quelli che vivono nelle aree urbane. L’inquinamento atmosferico ha anche notevoli ripercussioni economiche, sull’aspettativa di vita, aumentando i costi medici e riducendo la produttività in tutta l’economia attraverso le giornate lavorative perse a causa di problemi di salute. L’inquinamento atmosferico ha anche un impatto negativo sugli ecosistemi, danneggiando suoli, foreste, laghi e fiumi e riducendo i raccolti agricoli.

Le stime aggiornate nel rapporto indicano che le concentrazioni di PM2,5 sono state responsabili di circa 422 000 decessi prematuri in 41 paesi europei nel 2015, di cui circa 391 000 nei 28 Stati membri dell’UE. Guardando indietro al 1990, in una valutazione più ampia inclusa nel rapporto, mostra che i decessi prematuri dovuti a PM2.5 sono stati ridotti di circa mezzo milione di morti premature all’anno

 

aria omer dueRisultati chiave del report

Particolato: per PM2,5 (particelle con diametro di 2,5 micrometri o meno), la percentuale della popolazione urbana dell’UE-28 esposta a PM2,5 si è attestata al 6% nel 2016, in calo rispetto al 7% dell’anno precedente. Ma circa il 74% della popolazione urbana dell’UE è stata esposta a concentrazioni superiori alle più rigide linee guida dell’OMS. L’esposizione al PM2.5 ha causato la morte prematura di circa 422 000 persone in 41 paesi nel 2015.

Diossido di azoto: il valore limite annuale per NO2 continua ad essere ampiamente superato in tutta Europa. Nel 2016, il 7% della popolazione urbana dell’UE-28 viveva in aree con concentrazioni superiori al valore limite annuale dell’UE e alle linee guida dell’OMS. Ciò è sceso dal 9% nel 2015. L’esposizione all’NO2 ha causato la morte prematura di circa 79 000 persone in 41 paesi europei nel 2015.

Ozono troposferico: circa il 12% della popolazione urbana dell’UE-28 è stata esposta a livelli di O3 al di sopra del valore obiettivo dell’UE nel 2016, una diminuzione considerevole rispetto al 2015 (30%). Tuttavia, la percentuale è ancora superiore al 7% registrato nel 2014. Circa il 98% è stato esposto a livelli superiori agli orientamenti più rigorosi dell’OMS. L’esposizione all’ozono ha causato la morte prematura di circa 17 700 persone in 41 paesi europei nel 2015.

 

I dati dell’OMS

Il dato sulle morti premature conferma il primato negativo dell’Italia dello scorso anno, con un lieve peggioramento delle cifre sui decessi. Solo la Germania fa peggio per le morti causate da Pm2,5. Il rapporto offre una nuova prospettiva quando afferma che su 3,9 milioni di persone che vivono in aree dagli sforamenti simultanei e regolari 3,7 milioni abitano nel Nord della Penisola. Nella Pianura padana si conferma particolarmente critica la situazione dell’ozono e degli ossidi di azoto (principalmente da motori diesel). L’EEA misura anche il parametro degli anni di vita persi, con i valori più alti nelle economie più grandi del continente e quelli relativi (calcolati su 100mila abitanti) che sono appannaggio dei Paesi dell’Europa centro-orientale. Oms, 90% bimbi respira inquinamento, 600 mila morti. Ogni giorno più del 90% di bambini sotto i 15 anni nel mondo respira aria inquinata che è la causa di 600mila morti infantili dovute allo smog respirato in casa e fuori. L’Italia fa parte dei paesi con la qualità dell’aria peggiore, tanto che il 98% dei bambini è esposto a livelli troppo alti di polveri ultrasottili.

 

Questa voce è stata pubblicata in ambiente, locale e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...