Le elezioni sembrano basate su chi agita la paura e chi agita la paura di chi fa paura. Insano!!!

picasso

Osservatorio due. Diventa sempre più preoccupante il clima di questa campagna elettorale, ricordiamoci tutti che dopo il 4 marzo c’è il 5 e poi ancora altri giorni. Ricordiamoci anche che,  anche a Spilamberto,  servirebbe mantenere un tono civile, evitando colpi bassi. Per fare questo  non serve la paura agitata dai politici, che  sembra un   imbroglio  per raccattare qualche voto.  Cosa che ai più, anziché  generare  paura, genera un profondo fastidio per una politica che strumentalizza tutto e tutti, esagera ed enfatizza persino il nulla.

Alcune regole di bon ton vanno rispettate, sarebbe ragionevole, ad esempio, non provare a strumentalizzare l’associazionismo  per la campagna elettorale.  Non va bene, non ci sta, apre recriminazioni che possono arrivare a lacerare, dopo il 4 marzo,   il Paese, Spilamberto, il ceto politico ed anche le associazioni.

picasso due

Veniamo al consiglio comunale del 5 Febbraio,  dove una signora dal pubblico è intervenuta, in modo improprio, nel dibattito. Giusto riprenderla, il regolamento non  lo prevede. Ma prendere a pretesto questo, da parte del Sindaco, per demonizzare   i 5 Stelle ha senso?  Il sindaco si sarebbe comportato nello stesso modo se ad interrompere fosse stato qualcun altro, anziché una presunta grillina?    Il Sindaco non farebbe bene, per ruolo istituzionale,  a provare ad unire anziché dividere?

Mancano circa 30 giorni alla fine della campagna elettorale  proviamo a stare  al merito delle proposte. 

Non siamo elettori dei Cinque Stelle, perché non condividiamo  parti del programma (Disintermendiazione sociale ecc..), ma sommessamente vorremmo  sottolineare che, in una recente graduatoria sulla qualità della vita nelle città italiane, Roma con la vituperata Raggi, ha guadagnato  21 posizioni.  ACEA ( con un consiglio d’amministrazione indicato dai 5 stelle) ha firmato un accordo con la CGIL che reintroduce per via contrattuale i diritti dei lavoratori cancellati da Renzi col Jobs Act.

Noi la pensiamo  come Bersani, demonizzare in malo modo i Cinque Stelle  alla fine li rende più simpatici. Ad oggi la situazione è la seguente: Tutte le liste, tranne il PD, vogliono abrogare, cambiare o modificare il Jobs Act .  Il PD sui diritti sociali, (a differenza dei diritti civili dove volentieri gli riconosciamo meriti)   ha la responsabilità di avere abrogato l’art.18,introdotto il Jobs Act, aprendo la strada per trasformare i lavoratori in  neoschiavi.

La sinistra è sinistra quando,  assieme ai diritti civili, tutela i diritti sociali, altrimenti si chiama centro laico.  Parliamo dunque di programmi e non della paura della  paura,  che sembra un alibi per mascherare il vuoto e le responsabilità dei partiti.

OmBo

picasso tre

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...