Il Sindaco Costantini di Spilamberto poco sensibile alla parità di genere tra uomini e donne?

genere 2Nel giugno del 2014 il PD sollevò il problema della parità di genere in giunta. Qual è la situazione dopo 3 anni e mezzo?

Nel giugno del 2014 il l PD Spilambertese sollevò il tema della parità di genere nella giunta Costantini, non ricevendo ovviamente risposta nel merito ma solo accuse di mirare ad  altri fini.

Vediamo nel merito, nel 2014 la situazione era la seguente:
Il Sindaco e i 3 Assessori maschi (Francioso è anche vice sindaco; Mandrioli e Nardini) hanno tutte le deleghe pesanti.

Le 2 Assessore femmine (Munari e Pesci) hanno solo le deleghe alla Cultura-sport-associazionismo e al Bilancio. Da notare poi che l’Assessore Pesci è di Vignola, a Spilamberto si è intravista raramente e la maggioranza degli Spilambertesi non sa proprio chi sia, l’assessore  è però abbastanza puntuale nell’ incassare l’indennità  di mandato.
Presidente del Consiglio comunale: Alice Castagnini.
Presidenti di Commissioni. Per la maggioranza: Elisa Mazzi e Viola Tallarico. Per le opposizioni: Alberto Malmusi.

Capo gruppo di maggioranza: Giorgia Mercati.

parità di genere
La maggioranza ha bilanciato l’equilibrio che mancava in Giunta con gli incarichi in Consiglio comunale. Il segnale che l’allora segretario Tonozzi aveva mandato non era poi sbagliato. Vero Sindaco?
Così nel 2014 la Maggioranza aveva il Sindaco e 3 Assessori maschi da una parte e dall’altra 2 Assessore, la Presidente del Consiglio, la Capogruppo e 2 Presidenti di commissioni. Cioè 4 a 5. Un equilibrio in parte sbilanciato verso la parte maschile per il tema del “peso” delle deleghe e il ruolo del Sindaco, ma oggettivamente neanche troppo.

Vediamo oggi com’è la situazione:
La Giunta è immutata. Sempre 4 a 2 con Francioso vice sindaco.
Capogruppo: Niccolò Morselli.
Presidente del Consiglio comunale: il Sindaco stesso.
Presidenti delle commissioni: per le opposizioni ancora Malmusi. Per la Maggioranza: Alice Castagnini
Così nel 2018 la Maggioranza ha il Sindaco – Presidente del Consiglio, il Capogruppo e 3 assessori maschi da una parte e solo 2 assessore e 1 presidente di commissione. Cioè 6 a 3. E nei 6 ci sono tutti i ruoli politicamente principali.

Ora, apprezziamo certamente la sensibilità civica che ha spinto il nostro Sindaco a istituire il Registro delle Unioni Civili, e non è  in discussione la  sua sensibilità politica  verso gli immigrati, ma non ritiene di essere piuttosto carente verso la questione di genere, relativamente alla parte femminile?


Per approfondire vedi

 

 

Informazioni su Condividere Spilamberto

Spilamberto,Cittadinanza Attiva
Questa voce è stata pubblicata in istituzioni, locale, Senza categoria e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...