Spilamberto consiglieri comunali del PD in fuga, anche Asanka lascia!

H

Asanka

Apprendiamo dal Carlino ( Leggi consiglieri inquieti  ), che Asanka lascia per “motivazioni personali”, dopo appena un anno di consiglio comunale. In predicato per diventare assessore all’indomani della vittoria alle primarie del poi Sindaco Costantini, fu l’unica che pagò politicamente per quell’imponente cammellaggio di stranieri, che fu determinante (e rivendicato dal Sindaco) per la sua vittoria. (Beninteso, la “massiccia partecipazione” di extracomunitari ed altre categorie, nelle primarie del PD è ammessa e, visto che continua ad  accompagnare ogni primaria, sembrerebbe anche incoraggiata). Asanka, però, si dovette accontentare di fare il consigliere ripescato. Ha subìto un danno d’immagine destinato a durare nel tempo, forse non ancora rivelatosi appieno. Resta il fatto che la politica l’ha usata.

Il problema, però, riguarda il ruolo dei Consiglieri di maggioranza della lista del PD, dei quali non si conosce  neppure  il timbro della voce. In compenso fa tutto Morselli, il capogruppo, risponde anche alle interrogazioni, al posto del Sindaco. Nello splendido Robin Hood di Walt Disney c’è un personaggio, tenero e simpaticissimo nella sua lealtà al capo, quello di Ser Biss che, absit iniuria verbis, ci ricorda un poco l’affannato Morselli. Fare le statuine in Consiglio, a lungo andare può logorare  anche la reputazione personale dei consiglieri di maggioranza che,  per soprammercato, sembrano morire di noia. Il Consiglio passa, la reputazione resta ed i consiglieri del Pd forse non ci escono tanto bene.

Partecipare ad un Consiglio a Spilamberto induce alla malinconia. I Consiglieri/Assessori al tavolo della giunta, i tavoli dei consiglieri semivuoti perché anziché Assessori esterni, i Consiglieri fanno anche gli Assessori, il Sindaco fa pure il presidente del Consiglio. La minoranza, ridotta a testimonianza dalla legge Calderoli, cerca di opporsi.

A queste condizioni,  con i consiglieri del PD silenziati, è comprensibile che qualcuno decida di andarsene! Asanka forse l’ha capito  e se n’è andata per “ Ragioni personali”. Altri ancora se ne erano già andati. Ora, a due anni dalle elezioni, nella lista dei non eletti del PD resta uno solo,  l’ultimo, l’highlander. Se altri si dimettono  ci potranno essere  dei vuoti. Qualche responsabilità di tante dimissioni “per motivi personali”, forse, ce l’ha anche il capogruppo “fago tuto mì”.

asanka due

Informazioni su Condividere Spilamberto

Spilamberto,Cittadinanza Attiva
Questa voce è stata pubblicata in istituzioni, locale e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...