Elezioni Castelnuovo e Vignola, nulla sarà più come prima!

Pelloni Simone è il nuovo sindaco di Vignola, chi lo ha conosciuto quando era vicesindaco gli riconosce stile istituzionale e correttezza nelle relazioni personali . Massimo Paradisi è il nuovo sindaco di Castelnuovo, persona schietta e sincera. Entrambi molto diversi e antropologicamente distanti dalle furbizie di certi recenti cuccioli della  politica.
Ad entrambi facciamo gli auguri di buon lavoro e come Cittadinanza Attiva siamo disponibili alla collaborazione.

l’astensione dal voto resta una catastrofe democratica che si è registrata sia a Castelnuovo che a Vignola. Fare i sindaci con il 20% reale di consenso a Castelnuovo ed il 25% a Vignola renderà difficile il lavoro di entrambi i sindaci.

L’astensione va capita e studiata per provare a risolvere l’emergenza democratica, serve una commissione tecnico politica bipartisan, a questo punto promossa dall’Unione, che affronti e studi il problema e che provi a mettere in campo azioni concrete per recuperare all’attività di cittadinanza i nostri compaesani.

Durante la campagna elettorale, nei due comuni si è parlato poco di Migranti e ancor meno dell’Unione. L’Unione ha il bilancio ingessato e con l’aumento del pasto agli scolari è politicamente fallita, perché anziché ridurne il costo, li ha resi più costosi della provincia di Modena. Le ragioni stesse dello stare insieme in Unione sono state negate con l’aumento della mensa. Esiste un’ emergenza Unione ed occorre muoversi subito perché, con quest’andazzo, sarà complicato chiudere il bilancio e predisporre il nuovo. Il rischio di portare i libri in Tribunale e fallire è sempre meno remoto!
Vedremo ora quali equilibri si determineranno in seno all’Unione. Nulla sarà più come prima.

Nota uno. La democrazia funziona quando c’è alternanza, è assieme all’esercizio della sovranità popolare, un suo elemento costitutivo. Quando accade, accanto al dolore, per chi le ha perse bisognerebbe (esercizio improbo) riuscire a vedere l’aspetto positivo: un’opportunità di ricambio di classi dirigenti. Dopo settant’ anni andava messo in conto che potesse succedere. L’establishment politico stanco, sfilacciato e privo di un progetto e di una visione non ha retto. Il PD ha cinque anni per elaborare il lutto della sconfitta e per promuovere un’ idea di società con cui richiedere ai cittadini il mandato ad amministrare.

Nota due. Fare politica demonizzando l’avversario non paga più, anche perché per farlo bisogna essere degli angeli, ma in politica di angeli non se ne vedono più. Altrimenti ci si dovrebbe spiegare perché Renzi può allearsi con Verdini ed è accettabile il patto segreto del Nazareno tra PD e Berlusconi, mentre Caroli ( Sindaco di Savignano) è un “criminale” perché amministra con esponenti  della Lega Nord. Una doppiezza fastidiosa da sepolcri imbiancati che gli elettori non sono più disposti a seguire.

 

Questa voce è stata pubblicata in istituzioni, locale, Senza categoria e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...