Il comune di Spilamberto per ora è salvo, il sindaco fusionista Costantini ha perso!

nonchca

 

Balaklava due

Nell’editoriale del Giornalino del Comune di Spilamberto del 1 aprile  il giovane sindaco Costantini scrive: “ Quest’anno per esempio dovremmo diffondere e far conoscere   lo studio  di fattibilità

che non solo ha analizzato l’attuale Unione Terre di Castelli  evidenziandone pregi e difetti, ma ha anche tracciato scenari che prevedono la possibile unificazione dei comuni del nostro territorio”.

Perdoniamo l’ardire del Nostro che vede nello Studio per fondere i comuni ( Criticato da tutti, compresa la sua parte politica)  uno studio per migliorare l’Unione. Lo dice e ci crede solo lui (nonchè  il suo fedelissimo segretario locale del PD).  Vediamo invece la situazione circa le possibilità di  fusione dei comuni in Unione Terre di Castelli.

L’ipotesi inziale era di una fusione di nove comuni, azzoppata subito perché i consigli comunali di Guiglia e Savignano si sono chiamati fuori ed hanno detto a chiare lettere che non avevano intenzione di fondersi con chicchessia.  A questi, man mano che uscivano le bozze dello studio di Nomisma, si sono formalmente aggiunti i sindaci di Zocca e Montese  che, a nome delle loro giunte, hanno anche colto l’occasione per dimostrare, se ce n’era bisogno, che i “conti” di Nomisma sulle ipotesi di fusione  erano incomprensibili.

Balaklava uno

 

Saltata la fusione a nove, si è  passati alla proposta  di un comune della montagna ed uno della pianura. Proposta impossibile per l’indisponibilità  di Savignano, Guiglia, Zocca e Montese. Infine la proposta di un comune carrozzone composto da Savignano, Marano e Vignola,( ancora una volta proposta impossibile per l’indisponibilità di Savignano)  a cui si aggiunge  l’indisponibilità  sopraggiunta  di Vignola ( Nessuno dei due candidati a sindaco l’ha in programma).  Infine  resterebbe in piedi la proposta di un comune carrozzone tra  Spilamberto, Castelnuovo e Castelvetro. di nuovo  impraticabile poiché  Paradisi, sindaco di Castelnuovo, ha scritto a chiare lettere   nel suo programma elettorale che la fusione non è all’ordine del giorno della prossima consigliatura.  La pensa così anche  Covili candidata a sindaco di Vignola  ed il candidato  Pelloni, civico di centrodestra, è sempre stato nettamente contrario alla fusione. Balaklava tre

Quindi, concludendo, nell’Unione non ci sono margini tecnici e politici  per fare  fusioni  tra i comuni! Ad oggi, legge alla mano, sono possibili, ma mai immaginate o discusse,    le seguenti fusioni con i comuni contigui,per il nostro comune di Spilamberto: Castelvetro che non si è espresso in consiglio contro la fusione, a suo tempo,  per mancanza del numero legale e se si pronuncerà a favore di una fusione con Spilamberto, il PD di Castelvetro  rischia  di perdere il referendum e poi il Comune.   Essendo contigui, infine, è possibile ipotizzare una fusione con San Cesario oppure  con il comune di Modena. Ci aspettiamo che, vista la pervicace  determinazione con cui ha inseguito ogni ipotesi fusionista, il Nostro lavori ad   una fusione di Spilamberto con Modena laddove, ovviamente, già  si potrebbe immaginare  sindaco di “Spilamodena”!

Suggeriamo, con un sorriso, al segretario del PD ed al Sindaco di prendere atto che hanno perso, è evidentemente una pesantissima sconfitta visto che, in questi tre anni di mandato, il progetto di Fusione ha rappresentato la  punta di diamante! L’alternativa alla presa d’atto che questa battaglia è persa, sta nell’ imitare gli animosi della carica di Balaclava ( Nota anche come carica dei seicento). Se  vogliono …

Balaklava quattro

 

Questa voce è stata pubblicata in istituzioni, locale, Senza categoria e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Il comune di Spilamberto per ora è salvo, il sindaco fusionista Costantini ha perso!

  1. dimer amrchi ha detto:

    E noi, pazienti, ma un po’ sfiduciati, stiamo aspettando che il coordinatore di zona del PD dia seguito ufficiale ad una dichiarazione del dicembre 2015, dove redarguiva coloro che preferivano restare ignoranti anziché andare a valutare svantaggi e vantaggi della fusione. Quello studio ora è stato concluso da mo’ e speriamo che finalmente anche lui abbia maturato una qualche idea in proposito e, in particolare, sui non piccoli problemi di bilancio dell’Unione.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...