25 maggio 2015:l’archivio storico di Spilamberto portato contro la volontà dei cittadini a Vignola

ratto dell'archivioContro il parere della Cittadinanza,  Il 25 maggio 2015 l’archivio storico di Spilamberto con un colpo di mano veniva portato  a Vignola. La ferita è ancora aperta! Questa cosa  è difficile da perdonare al giovane sindaco Umberto.

Casa direste se si decidesse di trasferire il museo Ferrari da Maranello a Tricase in Puglia?  Vi mettereste a ridere, sostenendo  che si tratta di una sciocchezza totale. Questa sciocchezza totale da noi è avvenuta. Hanno preso  il terzo ( sì terzo ) archivio storico della provincia e lo hanno trasferito a Vignola.  Un pezzo  della nostra comunità  troncato  di netto dal suo corpo vivo.  Non è l’unico caso, basti pensare alla vicenda della Casa dei Sapori a Villa Sorra di Castelfranco che ha attratto finanziamenti pubblici ed europei , quando il luogo deputato era Spilamberto. Oppure vedi la vicenda del  museo del Balsamico a Carpi.  Sì a Carpi.

Tutto quello che dovrebbe valorizzare Spilamberto viene prontamente schivato dalla giunta comunale. Eppure, ad esempio,  per la Casa dei Sapori Castelfranco si è avvalsa di fondi europei e pubblici, noi abbiamo pure un assessore  dedicato ( Alessia Pesci,  da Vignola) che dovrebbe  dare la caccia a fondi per il Comune. Dovremmo, perciò,   aver  avuto maggiori possibilità a candidarci al posto di Villa Sorra e di Carpi. Perché non è successo?

La Giunta comunale è animata da  pulsioni  fusioniste, pare che speri di chiudere il  Comune e di fonderlo  con altri.  Si respira a Spilamberto una strana aria, sembra che l’ establishment politico si vergogni dell’ identità e dell’ anima della nostra  Comunità. Non ce lo spieghiamo. I cittadini di Spilamberto a questa Giunta comunale  hanno dato fiducia e vengono ripagati   con la nullificazione progressiva della identità del paese.  Quando Spilamberto  sarà  un dormitorio senza anima, senza negozi,  senza attrattive, sarà più facile per lor signori fonderci!

Facciamo un appello pubblico al sindaco Costantini.  “Sei il sindaco di Spilamberto. Difendi l’identità della tua comunità, fai tornare l’archivio a Spilamberto. Tutti te ne saremo grati”.

 

Questa voce è stata pubblicata in istituzioni, locale e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...