Spilamberto città/resiliente? Forse!

 

citta-resilientePubblichiamo l’interrogazione del Consigliere Comunale Mirella Spadini da cui si evince che l’adesione a città resilienti non è avvenuta secondo le procedure regolamentari e di  legge. A volte la fretta fa i gattini ciechi!!  Buona Lettura  CS 

Interrogazione con risposta in Consiglio Comunale sull’adesione del Comune di Spilamberto alla Campagna ONU “Citta’ resilienti” promossa da ANCI Emilia Romagna

 Premesso che:

  • da diversi siti internet abbiamo appreso che il Sindaco di Spilamberto il 21 settembre 2016, in occasione della Fiera Remtech Expo 2016, ha firmato, a nome e per conto del Comune di Spilamberto, l’adesione alla Campagna ONU sulle città reslienti;
  • esprimiamo la nostra piena condivisione sugli obbiettivi della Campagna e preannunciamo il nostro impegno ad operare per progettare e dare concretezza ai dieci punti previsti dalle Nazioni Unite;
  • la decisione di aderire alla Campagna non è mai stata discussa e approvata dal Consiglio Comunale, così come previsto dall’articolo 42 del Testo Unico Enti Locali trattandosi di un accordo tra Comuni;
  • all’Albo Pretorio risulta una delibera di Giunta (Numero 73 del 28 settembre 2016) nella quale si autorizza il Sindaco alla firma dell’adesione alla Campagna.

Interroga il Sindaco per sapere:

1) Come intende istituire una struttura di coordinamento per individuare e ridurre il rischio di disastri, basata sulla partecipazione dei gruppi di cittadini e su alleanze con la società civile;

2) Quali azioni intende intraprendere per assicurare che tutti i settori dell’Amministrazione siano consapevoli del loro ruolo nella riduzione del rischio di disastri e preparati ad agire;

3) Se nel bilancio del 2017 intende stanziare risorse specifiche per ridurre il rischio di disastri e incentivi ai proprietari di abitazioni, famiglie a basso reddito, imprese e alla comunità in generale perché investano nella riduzione del rischio

Attraveso quali strumenti intende assicurare che tutte le informazioni e i piani per la resilienza siano facilmente accessibili al pubblico e siano stati discussi pubblicamente

Se il PSC intercomunale identificherà terreni sicuri da destinare ai cittadini a basso reddito e svilupperà programmi di riqualificazione degli insediamenti esistenti;

6) Quali programmi di formazione e educazione sulla riduzione dei rischi di disastri saranno attivati nelle scuole e nella comunità locale

7) come implementerà sistemi locali di monitoraggio per il sistema di allerta preventivo e piani di gestione delle emergenze

8) Se intenda organizzare nel corso del prossimo anno esercitazioni che coinvolgano la cittadinanza;

9) Per quale ragione il Consiglio Comunale non è stato chiamato a discutere e ad approvare l’autorizzazione alla sottoscrizione della Campagna ONU sulle Città Resilienti, così come previsto dall’articolo 42 del Testo Unico Enti Locali trattandosi di un accordo tra Comuni;

10) Risponde al vero che al momento della firma dell’adesione alla campagna Città Resilienti da parte del Comune di Spilamberto (21 settembre 2016), il Sindaco non disponeva di nessun atto autorizzativo in quanto la delibera di Giunta è stata approvata il 28 settembre 2016.

Mirella Spadini Gruppo Uniti per la Sinistra di Spilamberto e San Vito

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...