Chi dorme non piglia pesci

sonno-simpsonIl 30.11.2016 andrà in pensione la signora Cecilia Molinari, che ringraziamo per la sua passione, la sua competenza e i suoi 42 anni di lavoro in Comune, in particolare all’ufficio tecnico e edilizia privata di cui è l’architrave portante.

La giunta ha deliberata solo (!?) il 20.07.2016 (delibera n. 63 di GC) il nuovo piano triennale di fabbisogno del personale. In questa delibera la giunta individua il percorso della mobilità esterna (si cercano dipendenti pubblici di altri comuni esperti nel settore che seguiva la sig.ra Molinari) da attivare nei prossimi mesi.

Se tutto andrà liscio forse potremo avere a Natale, se qualcosa andrà storto forse a Pasqua, il nuovo “Istruttore Direttivo Amministrativo”, Cat. D, a tempo indeterminato e pieno, dal 1/12/2016, presso la Struttura Pianificazione territoriale, in sostituzione di Molinari Cecilia, che cesserà per dimissioni volontarie il 30/11/2016, tramite l’istituto della mobilità esterna, ai sensi dell’art. 30 del D.Lgs. n. 165/2001, effettuati gli opportuni adempimenti obbligatori previsti in materia di mobilità del personale, come previsto dall’art. 34-bis del citato D.Lgs. n. 165/2001, oppure tramite procedura concorsuale.

Nel frattempo Cecilia Molinari sarà già in pensione da un mese, o forse più.

Un tempismo perfetto!!!

Quello che sappiamo lo abbiamo raccolto ascoltando in piazza i commenti preoccupati. Tutti erano già preoccupati 5-6 mesi fa, pensate oggi.

Secondo voi il nostro sindaco si è posto il problema a gennaio? Secondo voi il sindaco si è posto il problema di come organizzare o riorganizzare l’ufficio tecnico a seguito del pensionamento di Cecilia Molinari? Per esempio puntando a far crescere dei dipendenti comunali già a Spilamberto?

Qualunque azienda o ente, pubblico o privato, ha un patrimonio unico fatto dai propri dipendenti e dalle loro conoscenze. Qualunque presidente, direttore o sindaco sa che l’organizzazione del personale è decisiva per qualunque programma da realizzare o obiettivo da raggiungere, a partire dalle risposte che, nel caso del comune, i cittadini chiedono.

Esistono poi delle situazioni particolari e prevedibili come quella dell’andata in pensione di alcuni collaboratori. Soprattutto poi nei casi in cui vada in pensione una figura chiave come un capo struttura o un tecnico specializzato il sindaco si deve preoccupare per trovare il sostituto per tempo e permettere anche un affiancamento utile.

Questa delibera di giunta stabilisce che è mancata o l’attenzione o la competenza per evitare degli inevitabili disservizi a cui i cittadini o i professionisti andranno incontro nei prossimi mesi.

pesci

 

 

 

Questa voce è stata pubblicata in cittadinanza attiva, istituzioni. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...