Spilamberto,San Giovanni: da Fiera a Sagra

fiera unoCorsivo. Ferisce e fa male al cuore ed all’anima, vedere il progressivo restringimento della fiera di San Giovanni. Non è solo un restringimento di spazi ma anche di Visioni e di sguardi lungimiranti. Manca un’ idea di Paese, una capacità di lettura del territorio e degli anelli concentrici entro il quale opera Spilamberto. Nulla. Tristemente il nulla. L’unica  proposta   è quella di natura ingegneristica, così sintetizzabile: “Non so cosa fare per Spilamberto, dunque, facciamo il comune unico, poi si vedrà”.

Così facendo il Sindaco è in linea con il PD  che in tutta la Provincia, a seguito dei recenti  esiti elettorali, spinge l’acceleratore sulla fusione perché ha  paura di perdere le prossime  elezioni comunali ( Vedi  Guiglia, Zocca, Savignano, Vignola, Finale, Pavullo, Montefiorino ). Folle idea quella di credere che così facendo, si disponga di un progetto  di paese. Se non c’è, non c’è. Qui dobbiamo amaramente prenderne atto: non c’è! Coperti da proclami sempre meno verosimili  da parte del Sindaco, la gestione della Macchina comunale appare incomprensibile, improvvisata ed anche inconcludente. Sembra priva di senso! Manca il perché ! fiera o sagra!!

Torniamo alla Fiera:  Scomparsa  di fatto la mostra degli animali da cortile ( eppure, era unica, antica e testimoniava l’esistenza di un legame con comparti produttivi solidi come quelli agricoli,) ridotti al lumicino gli espositori, dopo l’esperienza dello scorso anno,  lo hanno detto  e lo hanno fatto: una parte non è venuta, rimane  il calcinculo ed i baracconi messi al posto del luogo dedicato alle esposizioni.

 Non sappiamo se, così facendo,  si sia  o meno  pagato una promessa elettorale, come si faceva nella vecchia  politica.  Resta il fatto che durante la Fiera è venuto meno lo possibilità di vedere, toccare, ammirare  ed identificarsi con orgoglio  con quello che il nostro territorio fa, coltiva, produce e costruisce.

Ogni entità/comunità   è soprattutto quello che fa, non quello che dice di essere , ma al Sindaco di Spilamberto sembra dare fastidio qualsiasi operazione identitaria. La prova è data  dalla decapitazione dal suo corpo vivo ( Spilamberto)  del suo archivio ( la sua memoria!). L’incombente trasferimento dei reperti archeologici sui Longobardi perché in due anni non si è provveduto a trovargli una sistemazione. Ridotti ad un dormitorio, senza anima saremo più unificabili!

Caro Sindaco lei  ha una grossa responsabilità: ha trasformato una bella e secolare fiera in una sagra.  Una tra le tante che in estate punteggiano il nostro territorio. Non si sente inadatto?

fiera o sagra 2

Questa voce è stata pubblicata in istituzioni, locale e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...