Elezioni di Zocca, il “mondo” (Utc) cambia, non sarà più come prima!

zocca unoDi recente un’indagine ( Vedi Post)  riportava che solo il 5% dei cittadini riteneva utili i partiti.   Tra i tanti scombussolamenti che hanno portato queste elezioni comunali, uno merita una particolare  riflessione, riguarda la natura delle liste: il 70% sono liste civiche ad hoc, l’11% delle liste espongono il simbolo  del PD, mentre l’M5S, laddove si è presentato,  ci ha sempre messo  il simbolo/faccia.

I Partiti si sono vergognati? pare di sì e non  solo!

Ormai da un po’ nei comuni al di sotto dei 15 mila abitanti si presentano liste civiche prive di simboli di partito: è successo anche a Spilamberto dove si sono confrontate liste civiche i cui nomi echeggiavano soltanto i partiti di riferimento ( Lista Costantini e Lista Spadini) o che non ne avevano alcuno ( Lista Forte).

La verità è anche un’altra purtroppo:  i partiti sono ormai talmente poco radicati da non riuscire più a  produrre un pensiero ed  una chiave di lettura del proprio  territorio, nemmeno  comunale. I partiti nei territori non esistono più e si rianimano solo alla vigilia delle elezioni, ma in questo contesto diventa controproducente  utilizzare il criterio di destra/ sinistra per fare campagna elettorale. Sempre più si confronteranno liste programmatiche per contendersi il governo della cosa pubblica. A nostro giudizio questo è un effetto negativo ma ineludibilmente legato a questa situazione. Lo sfascio della politica aiuta questo processo.   L’unica lista riconoscibile e afferente a un movimento nazionale, da ora in poi,  sarà quella dei M5S. Alle future liste civiche bipartisan non si vede né una alternativa, né una solida risposta politica. Quello che è accaduto a Zocca, dunque, merita molta attenzione.

zocca due

A ZOCCA

Il PD in affanno ha dovuto abbandonare l’ipotesi di candidare  un paio di giovani  ed ha  chiesto  ad un galantuomo come Aldo Preci, con una dignitosa storia nel PDS,   di candidarsi. Cosa che egli ha fatto con molta ritrosia e per spirito di servizio, Non è stato neppure facile per il PD, che si era “nascosto” dietro la lista “Insieme per Zocca”,  trovare i candidati da inserire nella lista:  alla fine, si è presentata una lista  con 10 candidati anziché 12, che   ha totalizzato  833 voti pari al 34%. Nel dettaglio poi  i due giovani renziani del PD  ex assessori( Covili e Corsi)  non sono stati eletti. Covili, segretario locale del PD, buon ultimo,ha preso solo 22 ( ventidue) voti di preferenza, in altri  tempi si sarebbe già dimesso.

Il gruppo Tanari con un motto sui manifesti  “Né di destra né di Sinistra: di Zocca!” ha vinto   le elezioni con un 40,85 %  dei voti espressi,   pari a 1001 voti.  Bisogna aggiungere il buon successo della lista di Baccolini, il quale si presentava azzoppato poiché nel simbolo aveva riferimenti espliciti a partiti nazionali ( Lega e Forza Italia),  che ha preso 524 voti pari al 21%.  La voglia di cambiamento espressa contro il PD sommando le due liste segna un abbondante 61%. Zocca era un comune rosso da sempre! Ci sono dati per una solida riflessione, il  PD locale infine,  dovrebbe trarre da questa vicenda almeno  qualche insegnamento: cercando di  essere politicamente meno supponente,  non ne ha più  i titoli.

Zocca tre

Sull’Unione Terre dei Castelli

Un giornalista l’ha ribattezzata “Unione di terre perse”. Gli equilibri dentro il consiglio subiranno una mutazione apparentemente minima ( Un seggio in meno al PD).Gli equilibri riceveranno, però, una scossa anche dalla creazione del nuovo gruppo consigliare dei M5S che si colloca all’opposizione. La  Giunta, invece, vedrà gli equilibri molto modificati.  Ci saranno 4 sindaci del PD contrapposti a 4 sindaci civici a cui aggiungere Montese. L’Unione non sarà più  quella di una volta! Ne vedremo delle belle! Dovrebbe poi esserci la staffetta alla presidenza dell’Unione tra Smeraldi ed un sindaco PD: cosa accadrà? Voci solitamente bene informate danno il sindaco di Spilamberto molto scalpitante e voglioso di sostituire Smeraldi, attuale presidente. Vedremo, se son rose…

E Gaber a questo proposito cosa dice?

 

 

Questa voce è stata pubblicata in locale, politica e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...