Non riescono a fare insieme neppure un canile intercomunale!!!

canile uno La  vicenda non ancora conclusa del CANILE INTERCOMUNALE può portare alla cancellazione totale del progetto stesso, oppure, se recuperato in tempo, portare ad un nuovo accordo tra i Comuni, con obiettivi da realizzare da qui al 2019.

 Ricordando a tutti che, oltre ad essere un obbligo di legge, un canile intercomunale gestito bene è anche un modo molto forte, per i Comuni, per sottolineare l’importanza dello stare assieme, oltre a mobilitare importanti risorse civili e associative, ovvero un importante punto di socialità vasta.

Analizzando, in maniera sintetica, la storia di questo progetto si vede che è molto complesso e parte da lontano.

In una prima fase nasce l’esigenza di creare un canile intercomunale tra Savignano, Vignola, Castelvetro, Guiglia, Marano e Zocca (1989). Canile che nel tempo (fine anni 90) manifesta una serie di criticità rispetto alle nome della Regione e del benessere animale.

Per cui a partire dai primi anni 2000 i Comuni interessati cominciano a cercare un nuovo sito per realizzare un nuovo canile a norma. Viene individuato un sito a Ospitaletto di Marano (2002-2004). Economico per i costi ma molto scomodo per la gestione e le adozioni.canile due

In questa fase, dopo le elezioni del 2004, sono coinvolti in modo diretto 3 Comuni e i relativi Sindaci e assessori: Marano con il sindaco Salici; Savignano con il sindaco Fornari; e Spilamberto con il sindaco Lamandini, per trovare una collocazione territoriale migliore.

Sono coinvolti in modo diretto per la convenzione anche gli altri 4 Comuni: Vignola; Guiglia; Zocca e Castelvetro.

Il costo di realizzazione e di gestione di un canile di medie dimensioni (150-250 cani) è molto legato al terreno (5-10.000 mq), ovvero se è un terreno da acquistare o se è già di proprietà pubblica, ovvero se è una zona facile da raggiungere o no per incentivare le adozioni.

Il sito individuato in una prima fase (2006-2007) è un’area in una ex cava di proprietà del Comune di Spilamberto a meno di 2 km dal centro. Questo sito negli anni seguenti (2009-2010) manifesterà una criticità idraulica rispetto al Panaro per cui viene individuato un nuovo sito (2011-2012) in un’area di verde pubblico nel quartiere industriale delle Sipe alte, tra Spilamberto e Vignola.

Il progetto, finanziato dalla Regione, nella prima fase è collocato nel primo sito, poi, dopo l’approvazione della variante da parte del Consiglio comunale di Spilamberto viene modificato per le Sipe alte.

canile 4

Dal 2005 il comune capofila è Spilamberto. Dal 2009 il sindaco di Savignano Caroli ha la delega dell’Unione per il canile intercomunale.

Savignano deve chiudere il proprio canile nel 2013 e inviare i cani, tramite un gara pubblica, ad un canile a San Giovanni in Persiceto (BO).

Il nuovo canile a Spilamberto poteva essere costruito tra il 2014 e il 2015 (vedi delibere Unione), ma il sindaco Costantini ha cambiato idea ed ha di fatto bloccato tutto. Ora la riflessione è molto più semplice della storia. La politica aveva battuto pari dal 2003 al 2014 per trovare assieme una soluzione utile per tutti i Comuni dell’Unione. Anche se sono cambiate alcune maggioranze (Savignano e Vignola).

Poi arriva Costantini ( Leggi )  e butta alle ortiche il progetto, i soldi  e salta qualsiasi rapporto fiduciario tra i componenti la giunta dell’Unione.

canile tre

Prima riflessione , in questa vicenda sono saltati i rapporti minimi di fiducia necessari in qualsiasi comunità  ( giunta unione)per reggere ed evitare che tutti girino guardinghi un contro l’altro in arme!

Seconda riflessione: e questi vogliono  fondersi in uno o più  comuni, quando non riescono come Unione Terre di Castelli a fare  insieme neppure un canile intercomunale per giunta già finanziato ? Aiuto!!

Documentazione

cc082.savignano.canile

CC075-2008.zocca.canile.

albo 003 – 14gu099.canile

delibera-canile

Altri link

Il sindaco smentì se stesso

Interrogazione Gianaroli

 

 

 

Questa voce è stata pubblicata in ambiente, locale e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...