Clima “aggiustiamolo” per tempo

clima unoIl 23-24-25 ottobre sono le giornate di mobilitazione per il clima in tutta Italia con flash mob, eventi di approfondimento, volantinaggi, pic-nic, aperitivi, eventi sportivi, musicali e culturali e quant’altro la fantasia riuscirà a mettere in campo. Le tre giornate di mobilitazione serviranno per informare e sensibilizzare quanta più gente possibile sulla posta in gioco del vertice ONU sul Clima che si terrà a Parigi dal 30 novembre all’11 dicembre (COP21) , per stimolare un impegno diffuso contro i cambiamenti climatici, per preparare la partecipazione alla Marcia Globale per il Clima che si terrà il 29 novembre a Roma, in contemporanea con decine e decine di altre città in tutto il mondo.

E’ in corso a Bonn il round finale dei negoziati sul clima  prima del Summit di Parigi, tra meno di sei settimane, dove  si attende l’approvazione di un nuovo accordo globale.

clima due

Questi devono comprendere:

Impegni chiari per il finanziamento del Fondo Verde per il Clima anche dopo il 2020;

Equità e giustizia come asse dell’accordo in tutte le sue parti;

Forte processo di revisione e taratura degli obiettivi

Un piano a sé stante, un meccanismo internazionale permanente per prevenire e affrontare le emergenze (Loss & Damage) dovute al cambiamento climatico

Adozione esplicita di un forte obiettivo globale per l’Adattamento per indirizzare un’azione crescente di adattamento e sostegno a coloro che stanno affrontando quegli impatti del cambiamento climatico già ora inevitabili

Mentre nei negoziati ci si sta concentrando molto su cosa i paesi dovranno fare dopo il 2020, è vitale rivolgere l’attenzione sulle azioni pre-2020. La comunità scientifica ci dice che per restare sotto all’aumento medio delle temperature globali di 1.5- 2 gradi centigradi rispetto all’era preindustriale, le emissioni di gas serra devono avere il picco massimo prima del 2020 e iniziare a scendere rapidamente. Queste azioni pre-2020 dovranno essere solide, in modo da sostenere gli impegni, oltretutto ancora inadeguati, presi  dai governi attraverso  gli INDC’s (in pratica gli obiettivi e i piani per ciascun Paese) per il periodo post 2020.

Il documento posto in discussione dai presidenti del gruppo di lavoro sull’accordo contiene molti degli elementi utili all’azione pre-2020. Se si vuole colmare il gap di emissioni, occorre procedere verso un’implementazione attuata con sforzi sempre maggiori sull’energia rinnovabile e l’efficienza energetica e nel settore dell’uso del suolo.  

clima 3

Questa voce è stata pubblicata in ambiente, cittadinanza attiva, nazionale e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...