A chi gioverà la “casina della Salute”?

trad_masch_dott_balanzoneIl progetto della “Casa della salute” viene presentato dalla Giunta Costantini, come un’assoluta novità, rispetto alle precedenti amministrazioni. E’ vero, in parte. In parte è una grossa bufala. Quindi pare opportuno  chiarire alcune cose.

La destinazione di quella che era la sede della Coop in viale Quartieri, a sede AUSL, risale al 2005-2007, durante la prima Amministrazione Lamandini, e fa parte di un progetto complessivo il cui scopo principale era di offrire nuovi spazi essenziali per ampliare la nostra Scuola, liberando quelli impegnati dall’ASL.

Il nuovo Poliambulatorio, o nuova sede AUSL (era così definito) si sarebbe spostato, mantenendo le stesse Medicine Specialistiche, in locali più razionali, senza nulla aggiungere, ma nulla  perdere rispetto alla sede attuale.

Il progetto definitivo fu approvato dalla Giunta Lamandini, prima nel 2011, poi, dopo il fallimento ICEA, il 24/02/2014 (http://www.comune.spilamberto.mo.it/allegati/6561/20140014G.PDF)

e avrebbe potuto essere ragionevolmente portato a termine entro il 2014-2015.

(Ricordiamo che, nel frattempo, la Scuola aspetta nuovi spazi, aule e laboratori, cosa impossibile fino a che non si libera tutto il fabbricato per dare il via ai lavori).

Abbiamo già perso più di un anno, in attesa di dare vita a questa “ Casa della salute”, fortemente voluta dal sindaco Costantini dal Vice Sindaco Francioso.

casa della slaute due

Proviamo a capire in cosa consiste, al di là della suggestione del nome.

Il nucleo forte del progetto Casa della Salute, prevede che tutti i medici di base prestino la loro opera tutta la settimana (esclusa la domenica) a rotazione oltre che nei loro ambulatori privati. Il risultato atteso e dichiarato è che, per 10 ore al giorno, i cittadini spilambertesi avranno la possibilità di rivolgersi ad un medico (Non la notte però!), in caso di urgenza, senza dover andare al Pronto soccorso.

Obiezioni:

I medici di base di Spilamberto sono 9. Gli ambulatori a disposizione sono 5. Come facciamo stare il 9 nel 5?

I medici sono professionisti, alle prese con un lavoro complicato e difficilmente organizzabile in orari fissi. Come garantiranno la propria presenza  quotidiana?

Che spazi dovrà occupare la sala d’aspetto per contenere i pazienti di 9 medici?

MA SOPRATTUTTO, perché un cittadino dovrebbe rivolgersi per una urgenza vera, non al proprio medico, ma ad un altro che nemmeno conosce, in un luogo che non fornisce attrezzature diagnostiche di  base anziché andare al Pronto Soccorso?

Abbiamo già avuto notizia che dovremo rinunciare a Neuropsichiatria infantile (perché non ci sta!!!). quante e quali Medicine specialistiche, che attualmente sono disponibili nel Poliambulatorio di via Marconi, verranno spostate a Vignola perché non c’è lo spazio fisico per tenerle a Spilamberto?

A questo punto è più che mai legittimo chiedersi se questa novità della Casa della Salute gioverà ai cittadini spilambertesi o piuttosto ai sogni del Sindaco .

Quindi tutto questo riprogettare, aumentare la spesa, attendere, per ottenere il risultato di ridurre le prestazioni specialistiche a Spilamberto? E qualcuno crede veramente che, in caso di vero bisogno, una persona non preferisca accedere subito alla diagnostica di un buon Pronto soccorso?

pront soccorso tre

E ora una rivelazione:

quella che sta progettando il nostro Sindaco, in realtà NON sarebbe una Casa della Salute. Le Case della Salute  sono realizzate con fondi AUSL – Ministero – Stato -Regione ed eventualmente cofinanziate dai comuni.

Rispondono a criteri progettuali e di spazio, piuttosto precisi.(Vedi Delibera regionale casa salute

Inoltre non risulta programmata alcuna Casa della Salute, in quel di Spilamberto, come risulta con tutta evidenza nel Report della Regione Emilia Romagna, in cui compare Guiglia ad esempio, ma non il nostro Comune. ( Vedi Report CdS 2015 (1) )

Il nostro timore è che questa scelta dell’Amministrazione Costantini/Francioso, si tradurrà in un pasticcio, appunto in una “Casina della Salute.”

Ci piacerebbe essere smentiti dai fatti perché siamo spilambertesi e non ci piacciono i disservizi nel nostro Comune, come ci sarebbe piaciuto che venisse pubblicato il progetto dettagliato con le funzioni ancora previste e le turnazioni dei medici di Spilamberto. Ma tutto è ancora nella nebbia.

Questa voce è stata pubblicata in istituzioni, locale e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...