Spilamberto frazione di Vignola? anche No!

torrioneDalla delibera n.63 (Vedi  delibera)approvata in consiglio comunale del 27 luglio 2015:

“… Sono previsti contributi per i Comuni che abbiano stipulato una convenzione per l’affidamento congiunto di un incarico professionale esterno per la predisposizione di un progetto di riorganizzazione istituzionale in vista della fusione...” Legge regionale 21 del 2012.

(i comuni N.d.R) “… Intendono delegare l’Unione … all’affidamento dell’incarico di predisposizione del progetto di riorganizzazione istituzionale … “

Attenzione, sul piano amministrativo/burocratico non viene dato l’avvio ad un processo di studio per decidere se fare o meno la fusione, ma viene dato l’avvio ad un studio per fare la fusione dei comuni dell’Unione.

Ci racconteranno che non è stato deciso nulla e che quello proposto è solo uno studio per decidere cosa fare, poi ci diranno che serve per capire lo stato di salute dell’Unione.  Vero è che è stato chiesto il finanziamento e gli atti sostanziali parlano chiaro, non per uno studio sull’Unione ma per uno studio per unificare i comuni.

Lo studio di fattibilità lo fa chi vuole unificare i comuni perché mai altrimenti si dovrebbero spendere 30 mila euro?

unione polo

Ci ricordiamo di come è finta la vicenda dell’archivio storico comunale di Spilamberto, si diceva in campagna elettorale che, dopo le elezioni, si sarebbe preso, sulla destinazione dell’archivio, una decisione insieme con i cittadini. La gente è stata contraria, lo ha detto, ma l’archivio è a Vignola!

Vero è che le ragioni politiche per cui vogliono l’unificazione dei comuni, non sono state esplicitate in nessuna sede istituzionale. ( vedi) Per cui appare sempre più credibile la narrazione che le ragioni dell’unificazione siano di carattere personale e di partito.

Il 27 luglio è una data storica per Spilamberto, perché con un dispositivo amministrativo rilevante (Vedi delibera) si è di fatto avviato il processo di chiusura del Comune di Spilamberto ( Vedi). Ammesso poi che i cittadini glielo lascino fare, c’è sempre il referendum.

goccia vera

I Consiglieri comunali di maggioranza sono saliti su un bob con una pista ed una destinazione obbligata che alla fine produrrà la proposta di chiusura del Comune.

La delibera sopracitata era funzionale alla nomina di due componenti, uno di minoranza ed uno di maggioranza, per una apposita commissione di controllo dell’Unione che dovrebbe monitorare l’operato di Nomisma che fa lo studio di fattibilità.

Il consigliere Fiorella Anderlini del 5 stelle  e Niccolò Morselli, un fedelissimo di Costantini, e schierato (ascolta registrazione Consiglio comunale di giugno) saranno i due esponenti di Spilamberto in seno alla commissione.

Balza agli occhi che mentre Vignola, manda in commissione Minozzi capogruppo dei civici nel consiglio dell’Unione, Il capogruppo del PD in Unione il renziano della primissima ora Villa, portatore, assieme al PD di Castelnuovo di una linea politica  possibilista è stato lasciato fuori.

Il Gruppo consigliare di Costantini/ Francioso, il 27 luglio in Consiglio comunale si è, nei fatti schierato col tifosissimo Sindaco che spinge l’acceleratore sulla fusione dei comuni.( Questa determinazione  non è stata espressa in nessuno dei programmi con cui Costantini si presentò agli elettori , in cui si parlava piuttosto di migliorare l’Unione, non di chiudere il Comune!)

Quelli di Castelnuovo (più cauti ) saranno più soli  nel gruppo consigliare PD dell’Unione  perché  il peso, dei tifosi della fusione, con Morselli nella commissione, sta aumentando.

stemma-spilla due

A differenza del passato, noi  non ci fidiamo più, e crediamo che tutti i  cittadini debbano essere informati correttamente  per  potere decidere col referendum se chiudere o meno il comune, si fermeranno prima solo se  i cittadini controinformati si mobiliteranno concretamente. 

E’ importante fare un atto di controinformazione  ai progetti della casta , facendo conoscere questo articolo, condividendolo sui social  e mandando  una mail con il link ad amici e famigliari.

Spilamberto, Cittadinanza AttivaLOGO grande

Mail spilamberto.attiva@gmail.com

 

Questa voce è stata pubblicata in cittadinanza attiva, istituzioni, locale e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...