Savignano dice no, allo studio per unificare i comuni della Terra di Castelli

savignanoFatto politico di rilievo. Il consiglio comunale  di Savignano dice no allo studio di fattibilità  “per procedere alla predisposizione di un progetto di riorganizzazione istituzionale finalizzato alla istituzione di una ipotesi di fusione di comuni”. ( Obiettivo molto assertivo!)

Manca tra i propositori dello studio una riflessione politica e strategica: perché restare così? Perché fonderci? Ci sarà più o meno democrazia? Ci sarà più o meno efficienza?  Per raggiungere quale scopo? E’ meglio restare così e rafforzare l’Unione (possibile)? Ci sono degli obiettivi che chiedono Comuni più grandi e non l’Unione?

Il blitz con cui si è cercato di presentare una operazione politica, la più rilevante degli ultimi anni,con conseguenze importanti sulla  vita delle nostre popolazioni, in un atto minimale,non ha funzionato bene. Resta per noi un mistero la leggerezza, l’assenza di discussione che ha accompagnato nella maggior parte dei consigli comunali questa scelta.

asterixLe argomentazioni del sindaco di Savignano  Germano Caroli si rintracciano sul Resto de Carlino del 25/6/2015: E’ vero con gli altri sindaci ero stato possibilista sull’indagine per la fusione. Ma  nel nostro gruppo consigliare si è sempre deciso a maggioranza dopo aver dibattuto e anche stavolta è stato così . Andrei contro i miei principi se decidessi da solo contro l’opinione della lista civica che rappresento” …“ Siamo arrivati a questa conclusione ragionandoci a fondo  e non ci convince l’approccio a questo studio”

Nota uno.

Balza agli occhi in questa vicenda la diversità di stile che caratterizza il sindaco Caroli, a differenza di molti sindaci dell’Unione non vive come un atto di lesa maestà opinioni diverse dalle sue, democraticamente ne prende atto ed agisce di conseguenza.

Nota due

Questa decisione spariglia le carte e ci auguriamo che aiuti gli stessi soggetti che vogliono a tutti i costi il comune unico ( 89.979 abitanti,  394, 21 Kmq di estensione contro il comune di Modena che ha 182Kmq  di estensione) od alcuni supercomuni -ci riferiamo al PD di Vignola ( che lo aveva in programma ma che ha perso le elezioni) ed al sindaco Costantini – a dirci il perché politico per cui insistono tanto su un progetto che peraltro nella Valsamoggia, è dimostrabile,non è poi andato così bene.

Nota tre

Nonostante il blitz , nonostante l’aver venduto l’approvazione allo studio come un atto dovuto e burocratico, cosa che non è , in ogni consiglio c’è stato chi non l’ha bevuta. Crediamo altresì che “quelli che l’hanno bevuta” quando coglieranno la leggerezza di chi ha condotto questa operazione che è enorme e politica, si  arrabbieranno un poco con chi li ha infilati in quell’angolo. Così non si fa.

Nota quattro

Lo studio di fattibilità è un po’ azzoppato!

Nota cinque

In consiglio comunale di Spilamberto  non c’è stata alcuna discussione sullo studio di fattibilità, c’è stato  un dibattito fiacco, direttamente proporzionale alla pesantezza della decisone. Hanno votato a favore il gruppo Costantini ed i rappresentanti della lista Spilamberto libera e responsabile ( Forte e Malmusi). contro il Movimento dei 5 Stelle. Assente Spadini.

savignano due

Questa voce è stata pubblicata in cittadinanza attiva, istituzioni, locale e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...