I molti dubbi di Sel sullo studio di fattibilità per la fusione dei comuni

selPubblichiamo il comunicato stampa di SEL Terra di Castelli  dove elenca i molti dubbi sulla fusione dei comuni. Buona Lettura CS

Comunicato Stampa:

Fusione Comuni Unione Terre di Castelli: Ieri, il Consiglio dell’Unione Terre di Castelli, ha rinviato la votazione alla delibera per l’affidamento di uno studio di fattibilità sulla fusione dei Comuni che fanno parte dell’Unione più Montese, per attendere il pronunciamento dei Consigli (o delle Giunte) di tutti i comuni coinvolti.

Questa scelta, condivisibile, rimanda però solo di pochi giorni l’accelerazione inopinata data a un processo che potrà avere ripercussioni importanti sulla vita di tutti i cittadini del territorio. Sull’ipotesi di un processo di fusione, SEL Unione Terre di Castelli manifesta diverse contrarietà, in particolare sul metodo e sui tempi. Riteniamo infatti che prima debba svolgersi una discussione pubblica sui punti di forza e sulle criticità dell’Unione e che vadano forniti tempi più lunghi ai Consigli Comunali per esaminare e decidere.

Sarebbe peraltro più opportuna una battaglia, come promesso da più parti in campagna elettorale, per l’allentamento del patto di stabilità, anziché rincorrere i finanziamenti promessi alle fusioni dei comuni, definiti, ambiguamente, “premialità”, peraltro non sufficiente per tutti i Comuni.

In un periodo di crisi della politica, con il tracollo verticale delle percentuali dei votanti, andrebbe perseguito l’aumento della partecipazione e non la riduzione della rappresentanza che con la fusione porterebbe gli attuali oltre 100 consiglieri su 9 comuni ai possibili 25 consiglieri per 70 mila abitanti.

Perché poi trascurare quanto recita l’articolo 5 della Costituzione: “La Repubblica, una e indivisibile, riconosce e promuove le autonomie locali; attua nei servizi che dipendono dallo Stato il più ampio decentramento amministrativo; adegua i principi ed i metodi della sua legislazione alle esigenze della autonomia e del decentramento”?

Perché, infine, non aspettare l’approvazione del Disegno di Legge regionale che dovrebbe ridefinire i termini delle riorganizzazioni territoriali e procedere poi, anche dopo un confronto con quanto sta accadendo poco lontano da noi, in Valsamoggia?

Con questa posizione SEL Unione Terre di Castelli, intende promuovere parallelamente  iniziative e occasioni di confronto, atte ad evitare che istituzioni e processi che affondano le loro radici in secoli di storia vengano “spazzati via” da decisioni affrettate, compromettendo il rapporto che nasce dal senso di appartenenza tra i Sindaci e i cittadini.

Inoltre riconfermiamo la nostra posizione per l’autonomia impositiva dei Comuni che anche la Regione dovrebbe sostenere e rivendicare, piuttosto che promuovere meccanismi ambigui che non premiano la responsabilizzazione delle comunità locali.

Sinistra Ecologia e Libertà

Circolo Unione Terre di Castelli Federazione di Modena

https://condividerespilamberto.wordpress.com/2015/03/27/ancora-sul-supercomune-della-terra-dei-castelli/

sel sel

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...